Il coronavirus continua a mutare ed evolversi

Redazione

La diffusione del nuovo ceppo B.1.526 del coronavirus, originatosi a New York lo scorso autunno, attualmente ha superato la soglia del 25%. La ricerca ha stabilito che questa variante dell’infezione ha due rami. Il primo, E484K, è in grado di resistere ai vaccini e il secondo, S477N, si lega meglio alle cellule umane.

Il coronavirus continua a mutare ed evolversi

L’evoluzione è stata determinata da esperti del California Institute of Technology. La mutazione E484K si trova anche in Sud Africa e Brasile. La diffusione è rapida, secondo i ricercatori della Columbia University. Il numero di pazienti in un periodo di tempo relativamente breve è cresciuto del 12%.

È possibile che in futuro una variante del coronavirus più resistente ai vaccini diventi dominante non solo negli Stati Uniti. Nel Regno Unito e in Sud Africa, ad esempio, rimane una versione prevalentemente modificata del ceppo locale.

Sono necessarie ulteriori ricerche per essere accurati. Le persone sono già immuni al passato coronavirus , quindi vale la pena tenere d’occhio le nuove versioni.

Next Post

Siberia, le immagini satellitari sconcertano la Nasa

Gli specialisti della NASA sono rimasti sconcertati dopo aver esaminato le immagini satellitari della parte settentrionale della Siberia. Le foto sono state scattate dal satellite Landsat 8 e pubblicate sul sito ufficiale dell’agenzia spaziale. Le immagini mostrano il fiume Marys. Su entrambi i lati ci sono strisce incomprensibili, che sono […]
Siberia le immagini satellitari sconcertano la Nasa