Mai essere troppo restrittivi durante una dieta, ecco perchè

Redazione

È pur vero che bisogna essere seri e irreprensibili quando si tratta di seguire una dieta se vogliamo raggiungere un obiettivo, ma è anche vero che una dieta particolarmente restrittiva può danneggiarci a seconda di ciò che smettiamo di mangiare, secondo quanto riportato da Healthline.

In che misura essere molto severi con la nostra dieta ci porta a non avere una dieta equilibrata e sana?

Mai essere troppo restrittivi durante una dieta ecco perche

Si potrebbe pensare che seguire rigorosamente una dieta non dovrebbe essere controproducente per noi fintanto che stiamo seguendo le linee guida di qualcosa che dovrebbe essere benefico per noi. Ma la verità è che non è sempre così.

D’altra parte, ridurre il grasso con la scusa di favorire la perdita di peso può rischiare di renderci meno energici durante il giorno, ed è perché le calorie dei grassi possono servire come riserve energetiche.

Ridurre l’assunzione di grassi è uno degli obiettivi comuni tra le persone che vogliono perdere peso perché l’accumulo di grasso aumenta il peso corporeo finché detti accumuli non vengono bruciati attraverso l’esercizio fisico.

In questo scenario l’esercizio fisico può fornire una via di fuga che evita di dover applicare una dieta molto restrittiva in termini di grassi. Questo non solo ti permetterà di avere una dieta più flessibile, ma svilupperà anche i tuoi muscoli.

Sono state sviluppate anche diete incentrate sulla riduzione dell’assunzione di carboidrati nel corpo. Queste diete ipocaloriche ti permettono di perdere peso, ma il motivo è che le persone tendono a mangiare meno del normale, il che è dannoso per la salute.

Si tratta di regimi che andrebbero evitati con dei più efficaci, e invece dovrebbero essere sostituiti da una migliore somministrazione di carboidrati lungo tre pasti, in modo da evitare che diventino grassi. 

In breve, violare la dieta in piccole occasioni potrebbe non essere così male come potresti pensare a prima vista, e può persino fornirti alcuni componenti importanti che non assorbi a sufficienza a causa delle caratteristiche della dieta che stai applicando. 

Next Post

Il coronavirus continua a mutare ed evolversi

La diffusione del nuovo ceppo B.1.526 del coronavirus, originatosi a New York lo scorso autunno, attualmente ha superato la soglia del 25%. La ricerca ha stabilito che questa variante dell’infezione ha due rami. Il primo, E484K, è in grado di resistere ai vaccini e il secondo, S477N, si lega meglio […]
Il coronavirus continua a mutare ed evolversi