Il latte materno verrà raccolto porta a porta a Milano

Se per fortuna esiste il latte artificiale, che sopperisce, o quantomeno aiuta nell’alimentazione di neonati che per svariati motivi non possono essere allattati col latte materno, è altrettanto risaputo che il latte materno ha proprietà benefiche insostituibili, e che sono di vitale importanza per i bimbi che nascono prematuri.

L’Aiblud onlus ricorda: “Il latte materno è in assoluto il miglior alimento nei primi mesi di vita del bambino: lo protegge dal punto di vista nutrizionale, immunologico e metabolico e previene molte patologie. Per i prematuri e per i neonati malati il latte materno è addirittura un alimento salvavita. Proprio per le sue caratteristiche uniche, non può essere sostituito da nessun altro tipo di latte. L’alimento è tanto più prezioso se la madre ha partorito da poche settimane, anche perché spesso le mamme dei bimbi prematuri hanno difficoltà a produrne una quantità adeguata, a causa dello stress e del prolungato distacco dal figlio ricoverato”.

In Italia il latte materno scarseggia, a fronte del quantitativo richiesto, almeno tre volte superiore e per questo in occasione di Expo 2015,è nato “Human Milk Link”, il primo servizio a domicilio di raccolta del latte materno, promosso dall’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (Aiblud onlus).

Per le strade di Milano, a partire dal 1 ottobre, circolerà un’apecar dal nome “Ape Milk”, dotata di cella frigorifera, con a bordo un’ostetrica che avrà il compito importante di raccogliere il latte dalle neo-mamme che ne hanno in abbondanza e che volontariamentedecideranno di donarlo ai bambini che ne hanno bisogno.

Attualmente la raccolta è portata avanti su iniziativa di singoli ospedali, con non pochi problemi di tipo organizzativo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Depressione, i più colpiti? gli umbri

La depressione può essere, a ragion veduta, eletta tra i disturbi più…

In Lombardia la cannabis diventa legale per uso terapeutico

Nonostante i più emeriti studiosi al mondo abbiano pareri discordanti sull’utilizzo della cannabis…