Il mistero del vegano macrobiotico, di cosa si tratta

Redazione

Ci sono molti settori diversi del veganismo incluso in questi settori c’è il veganismo macrobiotico.

Il mistero del vegano macrobiotico di cosa si tratta
foto@depositphotos.com

Sebbene non sia considerato il percorso principale come il veganismo tradizionale o il veganismo crudo, l’interesse per il veganismo macrobiotico sta crescendo.

Un seguace di una dieta vegana macrobiotica gode di cereali integrali, frutta e verdura locali e di stagione ed evita cibi altamente trasformati e zuccheri raffinati.

Le diete macrobiotiche tipiche spesso includono alcuni prodotti animali; tuttavia, i vegani macrobiotici evitano l’uso di prodotti animali e si concentrano invece sul resto degli alimenti disponibili per i loro nutrienti.

Vegano macrobiotico e la filosofia asiatica

Il concetto di yin e yang è ampiamente utilizzato in tutto il veganismo macrobiotico, con i teorici che sottolineano che gli alimenti hanno entrambe le proprietà, una è più dominante dell’altra rispetto ad altri alimenti.

Gli alimenti con qualità yin sono considerati leggeri e freddi (pensa a insalate, frullati e agrumi) e quelli con qualità yang sono considerati densi, caldi e pesanti (pensa a soba noodles, riso, zucca invernale).

Con la macrobiotica si ritiene che sia necessario un delicato equilibrio per una vita sana. Le verdure, come peperoni, patate, melanzane e spinaci, non sono raccomandate in una dieta macrobiotica in quanto si ritiene che siano molto yin e alcalinizzanti, che i praticanti ritengono possano influenzare i livelli di calcio e causare infiammazioni.

Si pensa che sia stato originariamente fondato dal medico tedesco Christopher Wilhelm Hufeland, dove il termine è apparso per la prima volta nel suo libro The Art of Prolonging Life. Wilhelm ha parlato dei benefici di mangiare in questo modo sia per una vita prolungata che per una migliore salute; e considerava la macrobiotica non solo una dieta, ma una scienza.

Alla fine del 1800, il medico giapponese Sagen Ishizuka credeva che seguire una dieta naturale, ricca di cibi integrali freschi che vengono consumati in stagione, potesse portare a una buona salute.

Le idee macrobiotiche giapponesi sono state molto influenti sul movimento macrobiotico nel suo insieme, poiché incoraggiano la combinazione di pasti costituiti da legumi locali, cereali, alghe, verdure, cibi fermentati e frutta.

Le linee guida generali per questo stile di alimentazione macrobiotica consistono dal 40 al 60% di cereali integrali e riso masticati molto bene, con il riso integrale come alimento base; dal 25 al 30% di verdure di stagione locali; 5% verdure di mare; dal 5 al 10% di legumi e fagioli; e 5% di zuppa di miso.

Vegano macrobiotico e cibi stagionali

Gli alimenti trasformati dovrebbero essere mantenuti al di sotto del 5% della dieta o consumati con parsimonia.

I seguaci del veganismo macrobiotico ritengono che una macrobiotica non sia solo un modo di mangiare, ma uno stile di vita. Credono che la qualità (o la mancanza) del nostro cibo sia direttamente correlata alla nostra salute e al nostro benessere. In verità, sei quello che mangi!

Gran parte di questa dieta si basa molto sull’essere in sintonia con le stagioni e su una dieta conforme a quelle stagioni:

Estate:

Cibi leggeri e molto crudi , come i cetrioli
Verdure a foglia, in particolare verdure a foglia larga, mais, zucche estive, frutta di stagione
Cereali leggeri come bulghur, quinoa

Autunno:

Verdure di stagione e frutta di peso maggiore, come zucche, zucchine
Ortaggi a radice, come il taro
Cereali e legumi più pesanti, come miglio, segale e farro

Inverno:

Porzioni extra di zuppa di miso
Zucca invernale e altre verdure pesanti di stagione
Cereali pesanti, come orzo, avena, segale e farro

Primavera:

Cibi leggeri e di qualità, come le verdure primaverili
Cibi foraggiati e selvatici, come rucola, asparagi, funghi
Alimenti leggermente fermentati e leggermente cotti: saltati in padella, al vapore, ecc.

Next Post

Esiste un portale che collega la Terra al Sole

Il Goddard Space Flight Center della Nasa ha dimostrato l’esistenza di un portale magnetico che si apre e chiude dalla Terra al Sole. Secondo quanto riportato da NASA Science, tonnellate di particelle ad alta energia passano attraverso questo buco nello spazio che poi si chiude. La NASA ha confermato che […]
Esiste un portale che collega la Terra al Sole