Il Segreto, anticipazioni sabato 3 settembre

Anche questa settimana è stata molto intensa per i protagonisti de Il Segreto: abbiamo visto Ines confessare a Don Anselmo, e quindi alle donne sue amiche, di essere la vera madre di Beltran, Amalia continuare la sua recita con Beltran, Francisca organizzare una festa sontuosa per dimostrare a Raimundo il suo amore.

Anche nella puntata di oggi, sabato 3 settembre, non mancheranno novità, a partire dalla visita che Candela decide di fare alla nipote in carcere: Ines le confessa di essere veramente un’assassina, essendo la responsabile della morte del padre di Amalia, ma è stata la terribile donna ad ingannarla, fingendo di prendersi cura di lei.

Candela promette alla nipote di aiutarla, assoldando un famoso avvocato, ma la svolta arriverà da Fè.

La cameriera fin dalla nascita di Beltran ha avuto molti sospetti su Amalia e quindi promette alle donne di El Jaral che farà di tutto per trovare qualche prova della sterilità di Amalia, per far scagionare Ines.

Prado invece spiega a Matias di essersi rifugiata in magazzino per riposare e gli promette che se ne andrà nel giro di poche ore. Matias torna a sorridere ed i suoi genitori credono che sia tornato di buonumore senza una buona ragione.

Raimundo rimprovera Francisca di sperperare i suoi beni che dovrebbe lasciare in eredità ad Aurora e Bosco, ma la donna non vuole sentir ragioni.

Pedro e Dolores ingaggiano Gracia affinché controlli Hipolito, ma il ragazzo mostra a Nicolas dei disegni che ritraggono proprio la ragazza e lo incarica di farle delle foto: ormai è chiaro che Hipolito si è innamorato.

Pur di togliere Severo dai guai, Carmelo finisce per farsi del male. Sembrerebbe trattarsi di una piccola ferita, ma all’improvviso non vede più niente.

Next Post

Jackie Chan verrà insignito con l’Oscar alla Carriera

In circa quarant’anni di carriera ha interpretato tutti i ruoli possibili e immaginabili anche se il grande pubblico internazionale lo conosce essenzialmente per i suoi action movie che tengono incollati al televisore generazioni trasversali per età e gusti. Ed è giusto quindi che gli venga tributato il giusto riconoscimento, dopo […]