Infinity Pet,  a Palermo il primo centro di cremazione per  cani e gatti
Infinity Pet,  a Palermo il primo centro di cremazione per  cani e gatti

Le carcasse degli animali non saranno più gestiti come rifiuti speciali: a Palermo nasce Infinity Pet, il primo centro di cremazione per animali domestici.

Infinity Pet nasce nel quartiere Cruillas. L’ideatore del progetto, il 37enne Giacomo Landino, si sarà detto: se gli animali domestici vivono in famiglia, sono trattati con amore e ci donano amore, se sovente sono gli unici di cui ci fidiamo, gli unici custodi dei nostri più reconditi segreti, per quale motivo non dovrebbero non possiamo riservare loro un trattamento decoroso anche dopo la loro morte.

E con questa idea fissa in testa è riuscito dopo circa tre anni ad aprire il primo centro di cremazione autorizzato per cani e gatti.

“L’intento – spiega Landini alla stampa – è di dare alla città un servizio che mancava. Essendo questo un servizio le istituzioni erano impreparate sul da farsi”.

Certo non sarà stato facile convincere chi di dovere della bontà dell’idea. Immaginiamo che l’iter burocratico sarà stato servante, ma alla fine il pioniere della cremazione per animali l’ha spuntata.

Infinity Pet si occupa della cremazione degli animali ma anche del recupero delle carcasse.

In pratica quando un animale muore, è Infinity Pet che va a recuperare a casa l’animale estinto, così come effettua il recupero delle carcasse dagli studi veterinari.

A richiesta la società organizza anche i funerali con tanto di fiori e bara.

Una volta cremato il caro animale, il proprietario, può portarsi le ceneri a casa.

“I proprietari non possono entrare nella stanza dove si trova il forno, ma possono assistere all’operazione attraverso un monitor e volendo anche da casa loro tramite da web cam”.

Certo non a tutti farà piacere guardare, infatti, come dice lo stesso Landini: “A molti basta sapere che il proprio animale non finisca negli inceneritori insieme agli scarti ospedalieri o a tutti i rifiuti speciali”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Dramma Ilva: salute a rischio per molti bambini

I dati Ilva sono davvero raccapriccianti e il sindaco di Taranto, Ippazio…

Gino strada, la sua riflessione sul terrorismo islamico

L’ultima puntata di Ballarò, ricordiamo in assoluto e non solo di questa…