Iniziato il lento rilascio dell’atteso Windows 10

Il sistema operativo Windows 10 incuriosisce tutto il mondo del Web: lanciato alla fine di una campagna a di poco invasiva, ha creato moltissima attesa, e da ieri ne è iniziato il lento rilascio.

Si perché non è disponibile per tutti da subito. Potenzialmente rivolto a “un miliardo di dispositivi”, i primi a riceverlo saranno coloro che lo stanno già testando, gli “insider”, pari a 5 milioni di utenti. Poi sarà la volta di coloro che hanno “prenotato” una copia di Windows 10 con una procedura online attiva dal primo giugno. Ed infine tutti gli altri.

Tutti gli utenti in possesso di un PC, un notebook o un tablet con sistema operativo Windows 7, Windows 8 o Windows 8.1, gradualmente, potranno effettuare l’upgrade gratuito al nuovo sistema operativo di Microsoft: il periodo promozionale in cui questo aggiornamento sarà gratuito è della durata di un anno, un tempo più che sufficiente anche per i più scettici per valutare al meglio le potenzialità del nuovo Windows 10.

Tra le tante novità di Windows 10, una di quelle che colpiscono di più è il riconoscimento biometrico con Windows Hello, che può leggere il volto, l’iride, o anche le nostre impronte digitali: addio al tradizionale concetto di password.

C’è poi il nuovo browser che deve competere con Firefox e Chrome: si chiama Edge e rimpiazzerà Explorer e la cui performance, secondo chi l’ha testato, è molto buona. Torna inoltre il tasto Start, che tanto è stato amato dagli affezionati utenti Microsoft e che era sparito senza motivo in Windows 8 .

Per farlo girare, occorrono 1 GB di RAM e 16 GB di spazio libero sull’hard disk. Chi non può eseguire l’aggiornamento da Windows 7/8/8.1 potrà, in ogni caso, acquistare una nuova licenza di Windows 10 disponibile in versione Windows 10 Home, al prezzo di 145 Euro, e Windows 10 Professional, al prezzo di 289 Euro.

Next Post

Apple Car ad agosto in Italia per mappare il territorio

Per tutto il mese di agosto a Roma circoleranno Apple Car: purtroppo non si fa riferimento alle innovative auto elettriche che si stanno testando in California e che probabilmente non arriveranno sul mercato prima del 2020, ma ad auto mandate dal colosso americano sulle strade del mondo, per mapparle al […]