Marevivo, imparare a salvaguardare il mare dalle cicche di sigarette

Se l’inquinamento delle acque è un problema di portata mondiale e non di semplice soluzione, di certo è ingigantito dall’incuria di ognuno di noi, che non tratta mare e spiaggia col il rispetto che i luoghi meriterebbero.

Come ogni anno l’associazione Marevivo, ad esempio, cerca di sensibilizzare sulla terribile abitudine di asciare le cicche di sigarette sulla spiaggia, mozziconi che inevitabilmente finiscono in mare.

E così torna sulle spiagge italiane per il settimo anno consecutivo la campagna “Ma il mare non vale una cicca?”: il weekend dell’1 e del 2 agosto lungo gli 8mila chilometri di coste italiane mille volontari saranno impegnati nella distribuzione di 120 mila posacenere tascabili, lavabili e quindi riutilizzabili. Un’iniziativa che consentirà di risparmiare al mare una fila di mozziconi lunga idealmente 550 chilometri di costa dal Veneto all’Abruzzo.

“Spegnere la sigaretta e riporre il mozzicone nel posacenere tascabile: basta un semplice gesto per risparmiare anni di inquinamento al mare e proteggere le creature degli oceani”, ha dichiarato Federica pellegrini, testimonial di questa edizione 2015.

Più di 450 le spiagge coinvolte in tutta Italia, per un totale di poco meno di 3 milioni di mozziconi che si stima verranno raccolti durante la due giorni dell’evento.

Loading...
Potrebbero interessarti

La Russia vuole inviare microrganismi sulla Luna

La Russia potrebbe nel 2027 inviare microrganismi sulla luna durante la missione…

Abbigliamento, solidarietà trasformata in business illegale

In generale è considerato un peccato, o quantomeno un inutile spreco, buttare…