Inquinamento, cibo per cani e gatti produce tonnellate di CO2 l’anno
Inquinamento, cibo per cani e gatti produce tonnellate di CO2 l’anno

Sembra che il cibo per cani e per gatti a base di carne sia altamente inquinante: in un anno produrrebbe 64 milioni di tonnellate di CO2.

Forse non ci eravamo mai posti il problema in maniera corretta. Anche perché naturalmente siamo portati a parlare del cibo umano.

In primis, in termini di corretta alimentazione, e poi, eventualmente, in termini di rifiuti e inquinamento ambientale.

Perciò tendiamo a pensare che in discarica ci va essenzialmente il nostro cibo, e non pensiamo che ci va anche quello per animali; né sappiamo che quest’ultimo è in grado di inquinare in maniera non trascurabile.

Si è occupato di tutto ciò un apposito studio pubblicato sulla nota rivista scientifica Plos One.

In base alla ricerca, risulta che l’alimentazione a cani e gatti produce ogni anno circa 64 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Il dato è impressionante.

Da una parte molti di noi fanno la scelta del cibo più ecosostenibile, dall’altra aumentano i livelli di inquinamento in base a modalità e comportamenti che non ritenevamo potessero incidere più di tanto.

A proposito, Gregory Okin, geografo dell’Institute of the environment and sustainability dell’Università di Los Angeles, Ucla, informa: “L’alimentazione di cani e gatti con la carne crea l’equivalente di circa 64 milioni di tonnellate di anidride carbonica l’anno, il che ha un impatto sul clima pari a un anno di guida di 13,6 milioni di automobili”.

E nella ricerca si legge pure: “I gatti e i cani sono responsabili del 25-30% dell’impatto ambientale del consumo di carne negli Stati Uniti. Questo vuol dire che se i cani e i gatti degli Stati Uniti formassero un loro Paese autonomo, sarebbero al quinto posto a livello globale, dietro Russia, Brasile, Stati Uniti e Cina”.

Gli animali domestici americani producono all’incirca 5 milioni di tonnellate di feci, vale a dire come 90 milioni di persone. Prosegue Okin: “Con questo non si vuol dire che la gente si deve liberare dei cani e dei gatti e che essi debbano essere messi a dieta vegetariana, che potrebbe essere malsana”.

“Ma penso che dovremmo considerare tutti gli effetti che gli animali domestici hanno sull’ambiente, per aprire un dibattito e trovare una soluzione. Possiamo solo augurarci che l’industria alimentare per gli animali da compagnia faccia dei passi verso la sostenibilità, senza la necessità che cani e gatti diventino vegetariani, anche perché ciò andrebbe contro la loro natura.

Stiamo tranquilli, quindi. Viva i nostri amici animali, dunque.

Potrebbero interessarti

Incredibile sondaggio: Gli uomini non cambiano le lenzuola

Per quanto tempo gli uomini aspettano di cambiare le loro lenzuola? Il…

Frutta secca, un toccasana contro sovrappeso e obesità

In molti pensano che la frutta secca, essendo notoriamente ricca di olio,…

Chemioterapia, arriva una cuffia per fermare la caduta dei capelli

Negli ultimi anni la medicina ha fatto passi da gigante: ormai nella…

Fibrosi cistica, Abano Terme piange la scomparsa di una giovanissima concittadina

Tra le malattie genetiche gravi, la fibrosi cistica è la più diffusa.…