Jack Nicholson, i primi 80 anni di una leggenda del cinema
jack nicholson 80 anni

Una leggenda di Hollywood, entrato con tutti gli onori nella storia del cinema, e che ha appena festeggiato un compleanno importante: Jack Nicholson ha infatti spento le sue prime 80 candeline.

Nato a Neptune City, fa il suo ingresso nel mondo del cinema grazie all’amicizia con Roger Corman, che lo scrittura anche come protagonista nel piccolo cult La piccola bottega degli orrori.

Il grande successo arriva undici anni dopo l’esordio cinematografico con “Easy Rider”, uscito nelle sale nel 1969 e subito diventato film manifesto di una generazione. La prima statuetta degli Academy Award è arrivata con “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, poi sono seguite quelle per “Voglia di tenerezza” e “Qualcosa è cambiato”.

È stato candidato alla Statuetta per ben 12 volte.

Per quanto riguarda la vita privata invece, l’attore è stato sposato per sei anni (dal 1962 al 1968) con Sandra Knight, dalla quale ha avuto una figlia. Successivamente nel 1970 è nato Caleb James dalla relazione con Susan Anspach, Honey da quella con l’attrice danese Winnie Hollman. Fino al 1989 è stato legato ad Anjelica Huston, che lo lasciò quando scoprì che stava per avere un figlio da un’altra donna, l’attrice Rebecca Broussard. Con lei ha avuto poi Lorraine e Raymond.

E nonostante la miriade di successi già ottenuti, non ci pensa a ritirarsi dalle scene, anzi: «Sono in trattative per il rifacimento americano del film tedesco Vi presento Toni Erdmann che si girerà a Los Angeles.E’ la storia di un uomo che sconvolge la figlia con scherzi continui: lei è una donna in carriera, sempre e solo sommersa dal lavoro, il padre vuole suggerirle altri modelli di vita. Le chiede spesso: “Sei felice?” Anche io lo chiedo ai miei figli e, oggi, ai miei nipoti».

Loading...
Potrebbero interessarti

Netflix realizzerà il tanto atteso ritorno di Una mamma per amica

Diciamocela tutta: il finale di serie non aveva convinto nessuno, ed ora…

David Beckham: Io meglio di Gordon Ramsay

Ad ognuno il proprio mestiere si dovrebbe dire, ma a volte non…