Kluber Ross psichiatra: le sue scoperte sulla vita dopo la morte

Elisabeth Kubler Ross era una psichiatra e una delle massime esperte di morte e della “vita oltre la morte“. Dedicò la sua vita alla ricerca del processo di morte e fece una campagna per pazienti malati terminali da trattare con dignità e rispetto.

Ha raccolto dati da oltre 20.000 persone che avevano vissuto un’esperienza di pre-morte per capire cosa accadeva dopo la morte. Diverse università negli Stati Uniti le hanno conferito lauree honoris causa in scienze, legge, discipline umanistiche e divinità.

Kubler-Ross ha paragonato la vita umana ad una farfalla e il processo di morte al rilascio di una farfalla dal bozzolo.

Ha raccolto dati da diversi casi di studio per indicare che le persone potevano ricordare ad esempio la targa della macchina che li aveva investiti, o altri dettagli specifici di un processo di salvataggio quando il cervello della persona interessata sarebbe stato non funzionale.

Durante un’esperienza pre-morte, la persona vede il mondo attraverso gli occhi dell’anima che sembra uscire provvisoriamente dal corpo.

Le Tre fasi della morte secondo Kubler-Ross
Kubler-Ross ha menzionato tre fasi al momento della morte dalla sua ricerca che coinvolge persone che hanno vissuto esperienze pre-morte. Ha paragonato il processo di morte a quello di una farfalla che emerge da un bozzolo.

Ventimila casi di persone in tutto il mondo – tutti dichiarati clinicamente morti – sono stati studiati nell’ambito delle sue ricerche sull’aldilà.

Il primo stadio è lo spargimento del corpo fisico. Quando il corpo fisico è degenerato al punto da non poter essere “riparato“, la farfalla o l’anima lascia il bozzolo o il corpo fisico.

Quando viene raggiunto il secondo stadio, la farfalla o l’anima vengono alimentate con energia psichica. La persona deceduta è di nuovo integra, priva di difficoltà fisiche, malattie o difetti.

È stato condotto un progetto scientifico con persone non vedenti che avevano esperienza fuori dal corpo. Al loro ritorno al corpo fisico, le loro descrizioni dei colori, i dettagli relativi ad altre persone nella stanza, erano accurati.

Nel terzo stadio, in presenza di luce, l’anima può guardare indietro tutta la sua vita e acquisire preziose conoscenze. Quelli che sono stati dichiarati clinicamente morti e vissuti per raccontare la loro storia, vedono questa luce solo per un attimo.

Elisabeth Kubler Ross ed il concetto di anima
Kubler-Ross ha usato molti esempi per illustrare i suoi concetti. La maggior parte delle persone lo sa, il suono di un fischio per cani è nella frequenza udibile per i cani, non per gli umani.

Il fatto che non si possa sentire il suono di un fischio da cane non significa che il suono non sia presente, ma solo che il suono è di una frequenza al di fuori della portata dell’udito umano.

Allo stesso modo, Kubler-Ross ha suggerito che l’uomo medio non percepisce direttamente la saggezza di un’anima mentre si trova nel corpo fisico. Tuttavia, un’anima uscita può registrare le vibrazioni terrene e comprendere gli eventi che si svolgono durante un incidente in una frazione di secondo.

Chi incontri dopo la tua morte?
Kubler-Ross credeva che nessuno fosse solo dopo la morte. Secondo la sua teoria, dopo la morte, il tempo e lo spazio sono trascesi e l’anima liberata è in grado di viaggiare ovunque solo con il pensiero e incontrare chiunque l’anima voglia per addii finali.

Secondo Kubler-Ross, le persone che aspettano dall’altra parte sono membri della famiglia a cui il defunto era molto vicino nella vita.

Se la maggior parte della famiglia è ancora in vita, si dice che la persona deceduta possa essere accolta dal suo angelo custode o dalla sua guida spirituale. Sosteneva che esiste la prova che ogni essere umano dalla nascita alla morte è guidato da un’entità spirituale.

Il condizionamento religioso può avere un ruolo in chi incontra la persona. Ad esempio, un bambino cattolico potrebbe riferire di essere accolto da Gesù, mentre i bambini ebrei potrebbero non registrare la stessa esperienza.

Durante i 78 anni della sua vita sulla terra, Kubler-Ross ha scritto 20 libri; ha collaborato con 16 ospedali; e ha ricevuto più di 47 premi e onorificenze.

Ha scritto: “La morte non è altro che una transizione da questa vita a un’altra esistenza dove non c’è più dolore e angoscia“. Ha esortato le persone ad amarsi e a trarre il massimo dall’esperienza terrena.

Loading...
Potrebbero interessarti

Quiz matematico semplicissimo, sai risolverlo?

Nonostante la semplicità di questo quiz, le statistiche dicono che addirittura il…

Le piramidi non erano tombe e sono state create molto prima

Le piramidi egiziane non avevano la funzione di “tombe” in realtà, a…