La battaglia di Hacksaw Ridge, Mel Gibson torna dietro la macchina da presa

Eleonora Gitto

Mel Gibson torna dietro la macchina da presa con “La battaglia di Hacksaw Ridge”.

Il film ha ricevuto ben sei nomination agli Oscar. Da poco è arrivato anche nelle sale cinematografiche italiane.

A prima vista, sembrerebbe uno dei soliti film di guerra cui gli Americani ci hanno abituato ancor prima che l’idea della guerra fosse geneticamente stampata nella testa degli uomini. E invece no.

La Battaglia di Hacksaw Ridge, presentato alla mostra del Cinema di Venezia, mostra dei tratti di umanità sorprendenti che in qualche modo coinvolgono.

Si parla di Desmond Doss, interpretato da Andrew Garfield, che ha ricevuto la medaglia d’onore del Presidente degli Stati Uniti per il suo comportamento in battaglia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Desmond è un pacifista, un obiettore di coscienza che diventa un eroe di guerra senza mai aver toccato un’arma.

Nel cast anche Vince Vaughn, Luke Bracey, Hugo Weaving e Teresa Palmer.

Dice del suo film Mel Gibson: “Non sono stato indulgente nelle scene di battaglia, ho voluto mostrare l’orrore della guerra per apprezzare a quale prezzo si conquisti la pace”.

Con sei nomination, il lavoro ha buone probabilità di arrivare in alto.

Next Post

Padova, ladro improvvisato rapina edicola per fame

E’ successo a Padova: un ladro improvvisato, con mano tremante e viso coperto da sciarpa e berretto, rapina un’edicola per far mangiare i suoi figli. Rubare è sempre un reato. Il furto è punito con la reclusione sempre, se c’è l’aggravante della “mano armata”, la pena diventa ancora più pesante. […]
Padova, ladro improvvisato rapina edicola per fame