La scoperta di vita aliena cambierebbe la religione?

Redazione

La scoperta di vita aliena, siano essi microbi viscidi o piccoli uomini verdi, potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui noi umani vediamo il nostro posto nell’universo.

David Weintraub, astronomo della Vanderbilt University, nel suo nuovo libro “Religions and Extreme Life” esamina più da vicino come le diverse fedi gestirebbero la rivelazione che non siamo soli.

I sondaggi di opinione pubblica hanno mostrato che gran parte della popolazione crede che gli alieni esistano. 

In un sondaggio pubblicato da Survata lo scorso anno, il 37 percento dei 5.886 americani ha dichiarato di credere nell’esistenza di vita aliena, mentre il 21 percento ha affermato di non crederci e il 42 percento non era sicuro. 

Le risposte variano in base alla religione: il 55 per cento degli atei ha dichiarato di credere nella libertà di parola, così come il 44 per cento dei musulmani, il 37 per cento degli ebrei, il 36 per cento degli indù e il 32 per cento dei cristiani.

Weintraub ha scoperto che alcune religioni sono più accomodanti rispetto ad altre all’idea di civiltà aliene. 

La scoperta di vita aliena cambierebbe la religione

Coloro che hanno un punto di vista spirituale incentrato sulla Terra hanno maggiori probabilità di sentirsi a disagio quando gli viene chiesto della scoperta degli alieni. 

Ad esempio, alcuni cristiani evangelici e fondamentalisti credono che l’unico scopo di Dio fosse quello di creare gli esseri umani sulla terra.

Tuttavia, alcuni cristiani che interpretano la Bibbia in modo abbastanza letterale potrebbero avere più facilità a incorporare l’esistenza degli alieni nella loro cosmologia spirituale.

Molti avventisti del settimo giorno, per esempio, sono creazionisti che credono che la terra sia stata letteralmente creata da Dio in sei giorni, 6.000 anni fa, e che gli umani siano discesi, ed abbiano ereditato il loro peccato originale, da Adamo ed Eva.

In questa mentalità, la vita potrebbe esistere su altri pianeti, ma gli esseri che non discendono da Adamo ed Eva sulla terra non sarebbero intrinsecamente peccatori, ed effettivamente non richiederebbero che il cristianesimo sia salvato.

La flessibilità dell’Avventismo del settimo giorno nei confronti degli alieni potrebbe essere un prodotto del periodo di fondazione della religione (XIX secolo).

“Le idee sulla vita extraterrestre – se fanno parte delle Sacre Scritture – sono sepolte un po’ più a fondo“, dice Weintraub al portale WordsSideKick.com.

Non sono ovvi, sono stratificati sotto la parte superiore. Nelle scritture ebraiche non c’è praticamente nulla. Devi davvero sovra-interpretare per trovare tutto ciò che puoi dire marginalmente, avere qualcosa a che fare con la vita extraterrestre“.

Con i progressi nella ricerca sugli esopianeti e nell’astrobiologia, gli scienziati possono realisticamente essere in grado di trovare prove di vita lontano dalla Terra, forse non vita intelligente, ma natura morta.

Pertanto, Weintraub crede che il resto di noi dovrebbe essere preparato per le domande spirituali che seguiranno – e che gli astronomi dovrebbero partecipare a questa conversazione, poiché la domanda “C’è vita nell’universo?” Ora appartiene al dominio della scienza, non solo della filosofia.

Next Post

Marco Liorni, quando hanno aggredito mia figlia

Marco Liorni si è confessato a “Oggi è un altro giorno”. Nella trasmissione condotta da Serena Bortone, il conduttore Marco Liorni si è un po’ confessato e ha condiviso tanti aspetti della sua vita professionale e privata. La sua passione la radio, rivela nel salotto di Serena Bortone: “Un sogno […]