Laura Pausini minaccia denunce, non vero il cachet di Sanremo

Come ogni anno, che sia un successo o un fallimento, il Festival di Sanremo, più che per le sue canzoni, fa discutere per il cachet dei suoi protagonisti, conduttori e soprattutto super ospiti, italiani o internazionali che sia.

Certamente nessuno degli ospiti viene gratuitamente, ma sui giornali spesso e volentieri si leggono cifre esagerate, che certamente non rispondono alla realtà dei fatti.

Quest’anno, tra gli ospiti più apprezzati, ma sembra anche maggiormente pagati, c’è stata la brava Laura Pausini, che però non ci sta a leggere cifre talmente esagerate, che offendono addirittura chi lavora anche dieci ore al giorno per tirare a fine mese.

Laura Pausini, tramite il suo staff, è intervenuta con toni duri sulla questione dei cachet di Sanremo 2016, cercando di fare luce sulla verità e dichiarando di procedere per vie legali, con la denuncia delle persone e delle testate che hanno riportato delle cifre completamente inesistenti.

Proprio Il suo staff, sulla pagina Facebook ufficiale di Laura, scrive: «Sarà nostra premura denunciare le persone e le testate che hanno riportato cifre assolutamente inesistenti riguardo il compenso della nostra artista. In Italia va di moda voler diffamare le persone inventando di tutto e di più. Quindi non solo smentiamo categoricamente le cifre (ce ne sono parecchie a seconda delle testate) che leggiamo, ma vi invitiamo a non fidarvi delle testate che le riportano».

Next Post

Lo chiamavano Jeeg Robot, il film nelle sale italiane il 25 febbraio

Arriva nelle sale italiane il 25 febbraio il film Lo chiamavano Jeeg Robot diretto da Gabriele Mainetti. La storia è quella di Enzo Ceccotti, un signor nessuno che vive nell’estrema periferia di Roma, a Tor Bella Monaca, un quartiere improvvisato, senza un’anima, senza un perché. Ceccotti è un banditello da […]
Lo chiamavano Jeeg Robot, il film nelle sale italiane il 25 febbraio