Le feste ci hanno regalato due kg in più

Anche a voler stare attenti e a non abbandonare palestra e movimento quotidiani, è inutile nascondersi dietro un dito e negare di aver abusato del cibo, dal pane e pasta fino ai dolciumi di ogni genere.

Ed uno sgarro oggi, un altro domani, peccato di gola dopo peccato, alla fine bisogna tirare le somme, e in media ognuno di noi ha messo su almeno qualche kg, che bisogna cercare di smaltire al più presto.

Secondo quanto stimato da Coldiretti, l’effetto del maggior consumo di cibi calorici abbinato a bevande alcoliche ha portato un aumento di peso fino a 2 chili, risultato di un’assunzione di circa 15mila-20mila chilocalorie. In totale, nel nuovo anno da smaltire per gli italiani ci sono i quasi cento milioni di chili tra pandori e panettoni, cinquantadue milioni di bottiglie di spumante, tonnellate di pasta, 6,5 milioni di chili tra cotechini e zamponi e frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci per un valore complessivo vicino ai 4,3 miliardi di euro, solamente tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno, senza contare il boom finale dell’Epifania.

Ad aggravare la situazione il fatto che – sottolinea la Coldiretti – l’abbuffata per le festività è stata anche accompagnata spesso dalla sospensione delle attività sportive e da una maggiore sedentarietà con le lunghe soste a tavola con parenti e amici che – sottolinea la Coldiretti – hanno ridotto il movimento fisico e favorito l’accumulo di peso.

L’unica soluzione è non finire la calza e scegliere un’alimentazione più sana ed equilibrata, per depurare l’organismo.

Per aiutare le buone intenzioni la Coldiretti ha stilato una lista dei prodotti le cui proprietà terapeutiche e nutrizionali sono utili per disintossicare l’organismo e per accompagnare il rientro in salute alla normalità dopo gli stress dei viaggi e dei banchetti natalizi. Frutta e verdura, olio d’oliva, pochi carboidrati semplici ed evitare gli zuccheri: un’alimentazione corretta per smaltire in fretta gli eccessi.

Next Post

Modica, come i bulli fanno sniffare farmaci

Cambiano i tempi e spesso non è una cosa buona, tant’è che la frase più gettonata e che spesso sentiamo ripetere è la solita: “Si stava meglio quando si stava peggio”. Purtroppo la globalizzazione non solo porta il diffondersi dei modelli di comportamento degli altri paesi, ma anche delle cattive […]