Libertà di pensiero: un diritto sancito dalla costituzione?

Con la rete e soprattutto grazie ai social ormai ci sembra scontato poter dire sempre quello che vogliamo, come vogliamo e nelle forme che preferiamo.

Dimentichiamo, però, che il diritto di professare liberamente il proprio pensiero è una conquista relativamente recente, frutto di millenni di battaglie sanguinose, e proprio per questo dovremmo capirne la reale portata e non permettere, a nessuno, di privarcene.

La libertà di pensiero e di parola ancora oggi non vige in molti paesi del mondo, dove regimi dittatoriali impongono in cosa credere e a cosa conformarsi forzatamente.

Nella stessa Italia, durante il lungo periodo fascista che si è concluso solamente nel 1945, non si poteva contraddire il pensiero e il volere del Duce, Benito Mussolini: farlo voleva dire, nella migliore delle ipotesi, essere arrestato o mandato in esilio.

Ed è proprio per questo che i padri costituenti, quando hanno steso il testo della Costituzione, la legge suprema del nostro stato democratico, hanno scelto di consacrare la libertà di pensiero e di parola in un apposito articolo.

L’articolo 21 recita infatti che: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”.

A questo aggiungiamo anche che la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo afferma all’articolo 18:

Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo”.

Potrebbero interessarti

Europa League, olandesi vandalizzano la Barcaccia

Mentre sul rettangolo verde dell’Olimpico la Roma pareggia con il Feyenoord è…

Italicum diventa legge manca la firma di Mattarella

L’Italicum diventa legge, manca solo la firma del presidente della Repubblica, Sergio…