Volontari sulle spiagge per salvare i mari dalle cicche di sigarette

Un fine settimane all’insegna dell’attenzione per l’ambiente e in particolare per la salute del mare e delle nostre bellissime spiagge: se è giusto, con le temperature altissime, concedersi una riposante giornata di mare, e magari essere liberi di fumarsi una sigaretta sotto l’ombrellone, non è certamente giusto abbandonare le proprie cicche sulla sabbia, mozziconi che finiranno inesorabilmente in mare.

Ecco allora che ieri e oggi tornano in azione i mille volontari di “Ma il mare non vale una cicca?”, la campagna promossa dall’associazione Marevivo in collaborazione con Japan Tobacco International, il patrocinio del ministero dell’Ambiente e il sostegno del Sindacato italiano balneari e del Corpo delle Capitanerie di porto.

Sono 120.000 i posacenere tascabili, lavabili e riutilizzabili che saranno distribuiti ai fumatori italiani in spiaggia, dal Veneto all’Abruzzo, per ricordare l’importanza di non lasciare le cicche sull’arenile, evitando che finiscano ad inquinare il mare.

«Basta un semplice gesto, ovvero spegnere la sigaretta e riporre il mozzicone nel posacenere tascabile, per risparmiare al mare anni di inquinamento e proteggere anche delfini, tartarughe e tutte le creature degli oceani – ha dichiarato Federica Pellegrini, testimonial della campagna 2015– Per questo condivido il messaggio lanciato con questa iniziativa che dimostra, concretamente, come ogni piccolo sforzo, fatto ogni giorno, possa portare a grandi risultati. Impegniamoci insieme per fare del 2015 un’estate da primato!».

Loading...
Potrebbero interessarti

Promozioni auto usate – oggi a condizioni migliori del nuovo

Auto usata? Sì grazie. Sono ormai lontanissimi i tempi in cui comprare…

Florida, nasce la prima città green a energia solare

In Florida nasce il Babcock Ranch, la prima città green alimentata esclusivamente…