Libia chiusa l’ambasciata italiana

Redazione

E’ allarme sicurezza in Libia. L’Italia si dice pronta all’uso della forza nel quadro delle Nazioni Unite.

A causa del peggioramento delle condizioni di sicurezza in Libia l’ambasciata italiana a Tripoli ha sospeso tutte le sue attività. Il personale italiano, in forza all’Ambasciata è stato momentaneamente rimpatriato nel nostro paese.

I servizi essenziali saranno comunque assicurati.   “L’Italia –  ha dichiarato  il ministro Paolo Gentiloni – rimane al lavoro con la comunità internazionale per combattere il terrorismo e ricostruire uno stato unitario e inclusivo in Libia, sulla base del negoziato avviato dall’inviato speciale dell’Onu Leon, al quale continuerà a partecipare il nostro inviato speciale Ambasciatore Buccino. Il peggioramento della situazione , in Libia, richiede ora un impegno straordinario e una maggiore assunzione di responsabilità, secondo linee che il governo discuterà in Parlamento a partire dal prossimo giovedì 19 febbraio”.

Dal canto suo il Ministro della Difesa  Roberta Pinotti ha confermato la disponibilità del nostro paese ad inviare cinquemila uomini .

Next Post

Muore per un malore durante una partita di rugby

Elia aveva solo 13 anni e una passione il rugby . Ai bordi di un campo da rugby il giovane ragazzo di Macerata è deceduto accasciandosi a terra.  Saranno ora le analisi e le indagini disposte dal magistrato a chiarire le cause della morte. Elia Longarini, questo il nome del […]