Luca Abete, malmenato per una semplice intervista

Non è certo la prima volta che gli inviati di Striscia la Notizia si trovano coinvolti, loro malgrado, in risse e alterchi anche violenti, ma nella stragrande maggioranza dei casi sono i truffatori smascherati ad avventarsi contro di loro, cercando di sfuggire alle telecamere.

Stavolta però a malmenare l’inviato napoletano Luca Abete è stata addirittura la Polizia, per fermare il giornalista che cercava di intervistare la ministra Stefania Giannini, ospite per un Convegno ad Avellino.

Abete è stato coinvolto in un parapiglia con la scorta della Giannini ad Avellino ed è stato immediatamente portato in questura per essere identificato.

«Fermati anche gli operatori, ai quali è stato chiesto di consegnare il girato. L’inviato e la sua troupe sono stati poi portati in Questura. Abete voleva chiedere al ministro delle spiegazioni, dopo i numerosi servizi da lui realizzati, nei quali venivano denunciate carenze strutturali in alcuni edifici scolastici della Campania», si legge nel comunicato stampa della trasmissione.

Pare che abbia provato a chiedere al ministro Giannini cosa ne pensasse delle scuole che cadono a pezzi in Campania: una domanda assolutamente pertinente visto che Abete aveva appena condotto un servizio su una scuola di Fuorigrotta a Napoli assolutamente fatiscente.

Notte quasi insonne: dolori, nausea e tanta rabbia!“, il commento a caldo di un amareggiato Abete.

7 comments
  1. Be, il signor Abete deve rendersi conto che cmq il servizio di sicurezza di un ministro non funziona come la maschera del cinema! Secondo me sono stati fin troppo gentili: in altri paesi occidentali ne avrebbe prese il doppio ma di quelle che fanno veramente male. Cmq tutta la sceneggiata è stata fatta consapevole di avere i suoi 5 minuti di notorietà. Si al ” giornalismo” d’ assalto ma a tutto c’è un limite oltre cui a nessuno deve essere permesso di varcando.

  2. La verità è che la polizia e assassina sono fascisti e usano il potere per uccidere come nel caso cucchi…sono bestie senza istruzione e cultura vanno aboliti.

  3. Caro christian visto che siamo in un paese democratico qualsiasi persona ha il diritto di fare tutte le domande che vuole, e visto che qui si parla di un esponente del governo ha l’obbligo di informare i cittadini di quello che succede in bene e in male. Però questo paese di democratico ha solo il nome qeste sono le conseguenze.
    Grazie e buon giorno a tutti

  4. Caro Cristian,io ti sono vicina,continua sempre cosi’ e mi dispiace tanto che non tutti apprezzino la tua professionalita’ Adriana

  5. Caro Luca, ti sono vicina,continua sempre cosi’ e mi dispiace tanto che non tutti apprezzino la tua professionalita’ Adriana

  6. Continuo a pensare che ci sia il tempo e il luogo per fare domande e dare risposte. Questi figuri che si presentano con l’etichetta di giornalisti, quando spesso, non hanno conseguito alcun titolo di studio specifico pe esercitare tale professione, sono gli esponenti perfetti di chi non ha niente da dire , e tutto da chiedere. Solo la porta chiusa a chiave del bagno ci ha evitato, finora, di vedere qualcuno intervistato nel WC.

Comments are closed.

Loading...
Potrebbero interessarti

Banksy leader dei Massive Attack, la scoperta del giornalista scozzese

Per i pochi che non ne fossero a conoscenza, Banksy è il…

Bobby Brown rivela: Whitney Houston drogata il giorno delle nozze

La bomba lanciata dal Mirror, le rivelazioni di Bobby Brown ex marito…