M.I.A. ed HeM insieme per la settimana mondiale del riciclo

Portaci i tuoi vestiti vecchi, rotti, consumati o fuori moda. Questo è il messaggio mandato da H&M con l’obiettivo di raccogliere 1.000 tonnellate di vestiti vecchi nella più grande campagna di sostenibilità dell’azienda di sempre”, così esordisce un articolo pubblicato dal sito ufficiale di H&M, il colosso svedese d’abbigliamento.

“Vista la quantità di vestiti raccolti dall’avvio di questa iniziativa, sappiamo che la sostenibilità è una parte importante del modo in cui i nostri clienti vivono la moda e desideriamo che essi facciano parte integrante della soluzione”, afferma Anna Gedda, a capo del settore Sostenibilità di H&M, aggiungendo: “Credo che riusciremo a raccogliere 1.000 tonnellate di capi durante la Settimana mondiale del riciclo. L’obiettivo della Settimana mondiale del riciclo è cambiare il modo in cui le persone hanno cura dei propri indumenti”.

Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento, l’artista inglese M.I.A. ha girato un video musicale in esclusiva per H&M, scrivendo la canzone “Rewear it“, per rimarcare l’importanza sull’impatto ambientale che hanno i vestiti che finiscono nelle discariche di tutto il mondo

M.I.A. è fantastica. Non è soltanto una grande artista con uno stile eccezionale, ma si dedica anche molto all’ecosostenibilità e alle questioni ambientali”, commenta Anna Gedda.

“H&M opera sul fronte della sostenibilità da anni. Dopo essere raccolti in oltre 3.600 negozi H&M in tutto il mondo, i capi vengono mandanti in uno dei sette stabilimenti dove vengono smistati per essere indossati nuovamente, venduti in negozi di seconda mano, riutilizzati come stracci o materiale per imbottiture oppure riciclati in nuovi tessuti e, fondamentalmente, nuovi capi”, continua l’articolo.

Le risorse del pianeta sono limitate. Vogliamo continuare ad apprezzare la moda, ma dobbiamo anche trovare un modo per fare un miglior uso delle risorse. H&M lavora per un futuro sostenibile della moda: tra le altre cose, desideriamo creare un circuito chiuso per la moda in cui i vecchi capi vengono trasformati in capi nuovi senza dover utilizzare materiali aggiuntivi. C’è ancora molto da fare, per ora abbiamo già creato il cosiddetto circuito chiuso per i prodotti in jeans ottenuti con il tessuto riciclato dei capi che i clienti ci portano”, conclude Anna Gedda.

Di seguito la clip musicale di M.I.A.

Loading...
Potrebbero interessarti

La milanese Foodinho acquisita dalla spagnola Glovo

La startup milanese Foodinho è stata acquisita dalla spagnola Glovo, azienda nata…

Riscaldamento globale, ghiacciaio Calderone addio?

Riscaldamento globale, l’Abruzzo rischia di dire addio al maestoso ghiacciaio Calderone. L’allarme…