Matrimonio: perchè ci si scambia le fedi?

Anche se oggi il matrimonio non è più “gettonato” come un tempo, dato che molti preferiscono le unioni civili o anche solo la convivenza, soprattutto in ambito religioso è ancora un sacramento importantissimo.

Con questo sacramento infatti i due neo sposi si giurano eterno amore, promettendosi di superare assieme le difficoltà della vita, separati solo morte.

Nel fare la promessa, gli sposi si scambiano quindi le fedi: ma perché si compie proprio questo gesto?

In primis fede, in latino “fides”, vuol dire fedeltà ed è proprio questo il significato principale: giurare all’altro “l’esclusività” dei propri sentimenti.

In realtà, poi, le fedi non sono simbolo solo della cristianità: già i barbari e molti popoli dell’antichità solevano scambiarsi degli anelli, spesso di ferro, come simbolo di unione, di fiducia reciproca e di amore incondizionato.

È comunque a partire dal XVI secolo che l’anello di matrimonio assume le sembianze e il significato che gli attribuiamo ancora oggi.

Comunemente realizzate in oro giallo, per sottolineare il fatto che non è un gioiello qualunque, la fede si indossa sulla mano sinistra al dito anulare, anche se nell’Europa Centro-Orientale si usa metterla a destra.

La fede nuziale si indossa sull’anulare, perché secondo un’antica credenza vi passa una vena che arriva direttamente al cuore: è quindi un modo per attribuire a questo gioiello il compito di guidare i sentimenti fino al cuore.

Tradizionalmente le fedi sono pagate dallo sposo, e il compito di portarle nel luogo della cerimonia spetta al testimone maschio principale.

Loading...
Potrebbero interessarti

Turchia colpisce Russia alle spalle e abbatte aereo, morti i piloti

E’ successo oggi al confine tra la Turchia e la Siria: un…

La CNN farà causa al presidente Usa Donald Trump

Se Donald Tump ha un dono, questo è quello di riuscire a…