Medicina difensiva nuova realtà nel rapporto medico paziente
Medicina difensiva rapporto medico paziente

 

L’appuntamento è per il 28 ottobre alle 17.30 per l’incontro, che sarà aperto a tutti, legato alla nuova realtà della medicina difensiva, oggetto: il rapporto tra medico e paziente.

La sezione di Como dell’Associazione Mogli Medici Italiani (AMMI), in collaborazione con l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Como, organizza l’incontro aperto al pubblico

La medicina di difesa. Nuova realtà nel rapporto medico paziente, tutela per la professionalità del medico o garanzia per la salute del cittadino?” che si terrà mercoledì 28 ottobre alle 17.30 presso il Palace Hotel di Como.

Dopo i saluti di Rosanna Scaravelli, presidente della sezione AMMI Como, interverranno Maria Grazia Tatti, Presidente Nazionale di AMMI; Gianluigi Spata, Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Como;Mariano Fadda, Magistrato presso la procura della Repubblica di Como; Mario Tavani, docente di medicina legale e delle assicurazioni presso l’Università degli Studi dell’Insubria; Fabio Banfi, Direttore delle Attività Cliniche del Territorio e Direttore del Dipartimento Organizzazione Sanitaria – Piattaforme Produttive, e Antonella Fumagalli, Presidente Regionale di FederAnziani Senior Italia.

La medicina difensiva, sia positiva (prescrizione in eccesso di esami, visite specialistiche, ricoveri ospedalieri, ecc.) che negativa (evitare pazienti e procedure a rischio), costituisce un importante vulnus nella nostra realtà sanitaria tanto da gravare economicamente sulle nostre casse per lo 0.75 % del Prodotto Interno lordo, pari a circa 10 miliardi annui.

Questa pratica nasce anche dalla crisi del rapporto fiduciario tra medico e paziente, ossia il passaggio da un rapporto di tipo paternalistico – e quindi più facile da gestire – a un rapporto paritario, con un paziente sempre più esigente riguardo i problemi della propria salute. Tutto questo in una cornice mediatica più interessata agli aspetti di malasanità piuttosto che a quelli di un sistema sanitario ritenuto tra i migliori in Europa.

Obiettivo della tavola rotonda, quindi, è spiegare ai non addetti ai lavori e ai cittadini i motivi del fenomeno, legati principalmente ai timori del medico di un possibile contenzioso legale.

Nel corso del dibattito saranno analizzati anche i risvolti psicologici che si creano e che interferiscono negativamente nell’attività quotidiana del Medico e si cercherà di esaminare le possibili cause di questo fenomeno andando anche ad analizzare quali strategie potrebbero essere messe in campo per trovare una possibile soluzione del problema.

fonte: ElleciStudio

Loading...
Potrebbero interessarti

Charlie Challenge il gioco diventato pericoloso

Ricordate il giochino Charlie Charlie Challenge che circola sul web da circa…

Una mela al giorno toglie il medico di torno: proverbio o realtà?

Una mela al giorno toglie il medico di torno: quante volte abbiamo…