Milano fashion week 2018, una passeggiata tra mostre e sfilate
Milano fashion week 2018

Come ogni anno, Milano in questi giorni è in fermento per le varie sfilate di moda che si terranno. La Fashion week 2018 è iniziata e, come sempre, fa discutere e crea scalpore. In corso fino al 26 febbraio, numerosi stilisti si sono sbizzarriti nell’eccentricità che li caratterizza da sempre, portando nelle passerelle creazioni sempre più creative e stupefacenti.

GUCCI

Tra i primi eventi a dare nell’occhio c’è stata la sfilata di Gucci, già a partire dagli inviti distribuiti agli ospiti: un timer arancione che faceva il conto alla rovescia per l’inizio della sfilata, infilato in una busta trasparente e riportante la scritta “Avviso ai genitori, contenuto esplicito”. Questa scelta è stata adottata per rispecchiare i toni macabri e angoscianti della sfilata, il cui ambiente è stato arredato come se fosse una sala operatoria, con lettini e lampade scialitiche (le classiche lampade che si vedono nelle sale operatorie), sedie da sale d’attesa, pareti color verde ospedaliero e il “bip” dei macchinari di monitoraggio del paziente in sottofondo. Lo stilista ha ricreato tutto questo per rappresentare il suo lavoro, un taglia e cuci per ricostruire materiali e tessuti per creare nuove personalità e identità.

Ciò che più ha fatto scalpore sono stati i modelli che portavano in mano delle teste mozzate identiche ai propri volti, per non parlare di maschere e passamontagna. Alcuni modelli hanno anche sfilato con cuccioli di drago e serpenti finti in braccio.

LE MOSTRE

Molte persone desiderano assistere personalmente alle sfilate e al glamour proposte, se siete tra questi ma se non avete avuto la possibilità di andare a vedere di persona le passerelle della Fashion week 2018, non scoraggiatevi. Per immergervi nel mondo della moda non ci sarà bisogno di passare ore e ore a visitare i cataloghi di Prada o il Fiorucci online shop, basterà andare a visitare varie mostre a tema; tra tutte spicca “Italiana – l’Italia vista dalla moda 1971-2001”, una rappresentazione dello stile e dell’eleganza della nostra penisola.

La mostra, curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi, rappresenta i trent’anni che fecero la rivoluzione nella moda italiana, ma non solo. Saranno esposti pezzi d’archivio delle più celebri case di moda italiane, per ricostruire una parte della nostra identità sociale e culturale. Nel percorso ci saranno vari collegamenti all’arte italiana, tra le più annoverate in tutto il mondo. Si parte dal 1971, dove si ha il passaggio simbolico dall’Alta Moda al prêt-à-porter, e si termina nel 2001, quando la moda si trasformò definitivamente in un caso internazionale, messo nelle mani di chiunque volesse avvicinarsi.

Un’altra mostra che si terrà fino al 24 marzo è “Rosa Genoni: una donna alla conquista del ‘900 per la moda, l’insegnamento, la pace e l’emancipazione”, a cura dell’Associazione Amici di Rosa Genoni e dell’Archivio di Stato di Milano, narra la storia di Rosa Genoni, che riuscì a sfuggire alla povertà fino ad arrivare a dirigere una nota casa di moda milanese e insegnare storia del costume.

Occasioni da non perdere, soprattutto per gli appassionati di moda, della sua storia e delle sue radici.

Potrebbero interessarti

Un Natale stupefacente, il cinepanettone di De Laurentiis con Lillo e Greg

Arriva il consueto cinepanettone, prodotto dalla Filmauro di De Laurentiis, anche se…

Il Segreto, anticipazioni di sabato 16 gennaio

Anche oggi, sabato 16 gennaio, andrà in onda una nuova puntata de…

Lenny Dykstra: Mickey Rourke? Sembra uscito dai Racconti della Cripta

Parole al veleno quelle di Lenny Dykstra star del baseball negli Stati…

Tara Reid per Halloween troppo magra, che succede?

Spesso si parla di anoressia con troppa leggerezza, ma in alcuni casi…