Momo il gioco horror online diventa un gioco di morte

Redazione

Il gioco online ‘Momo’ sarebbe stato collegato al suicidio di due ragazzini.

Due suicidi di bambini in Colombia sono stati collegati a un sinistro gioco su Internet che sta dilagando in Sud America secondo quanto riportato dall’HeraldSun.

I media locali riportano che una ragazza di 12 anni e un ragazzo di 16 anni si sono suicidati nella città di Barbosa.

RCN Radio sostiene che i due bambini stavano giocando a un gioco basato su una sfida, ritenuta la sfida “Momo“, su internet.

È stato riferito che il ragazzo aveva passato il gioco alla ragazza prima della sua morte. Entrambi sono morti a distanza di 48 ore l’uno dall’altro.

Il mese scorso le notizie della sfida al famoso gioco online “Momo” hanno colpito il mondo internet dopo essere state collegate al suicidio di una ragazza in Argentina.

Il gioco online è apparso sulle più importanti piattaforme social della rete, si è diffuso a macchia d’olio in Sud America tanto da portare la polizia in Messico ad un vero e proprio avvertimento ai genitori.

I giovani stanno accedendo rapidamente a questo gioco che ha diverse sfide, sfide che alla fine portano al suicidio per terminare il gioco“, ha detto Janier Londoño, segretario del governo di Barbosa nella regione di Antioquia, nel canale di notizie Caracol in Colombia.

A quanto pare, Momo inizia con un avatar, tratto da una foto modificata di una scultura dell’artista giapponese Midori Hayashi, che istruisce la vittima e invia loro provocazioni violente su alcune app di messaggistica. Momo minaccia quindi il giocatore se rifiuta di seguire gli ordini del gioco.

Alla fine sono sfidati a togliersi la vita.

Si ritiene che il gioco abbia avuto origine in un gruppo su un famoso social, ma l’inquietante immagine avatar “Momo” è nata da una foto Instagram della scultura che è stata ritagliata e modificata per apparire più inquietante. Midori Hayashi non è assolutamente associato al gioco ‘Momo’.

La polizia locale ha dichiarato che i numeri di telefono di WhatsApp collegati ai conti Momo sono stati registrati in Colombia e in Messico.

Nonostante l’innocente origine del personaggio “Momo“, il gioco è diventato molto più sinistro e continua a diffondersi in Sud America e in alcune parti dell’Asia.

L’indignazione per “Momo” ha portato il Pakistan a bandirlo come “videogiochi suicidi“.

Questi giochi non hanno alcun posto in Pakistan, giochi che convincono i giovani a commettere il suicidio per liberarsi“, ha detto il ministro informatico della Confederazione Dr Khalid Maqbool Siddiqui.

Nella regione indiana di Bhubaneswar, la polizia è andata a scuola per informare gli studenti dei pericoli del gioco.

La sfida “Momo” è stata paragonata al gioco Blue Whale che ha suscitato preoccupazioni lo scorso anno. Blue Whale ha coinvolto i giovani incoraggiandoli ad intraprendere attività quotidiane che includevano l’autolesionismo e la visione di film dell’orrore. Resta inteso che la sfida Blue Whale ha portato a circa 100 morti adolescenti in Russia.

Next Post

Carmagnola, bimbo di 8 anni abbandonato dalla mamma

Il mondo, specie negli ultimi giorni, sembra girare al contrario: a fronte di padri e madri che lottano con le unghie e con i denti per salvare i propri figli, da violenze, malattie, persino per chiedere soltanto giustizia dopo che un destino crudele li ha portati via, ce ne sono […]