Nasa rivela: Incredibilmente sparito un buco nero

Redazione

Gli astronomi hanno individuato un ammasso di galassie distante senza quello che dovrebbe essere un enorme buco nero supermassiccio al centro, nonostante il fatto che la sua massa dovrebbe essere da tre a 100 miliardi di volte quella del Sole.

Nasa rivela Incredibilmente sparito un buco nero

Si ipotizza che il buco nero si trovi nell’ammasso galattico Abell 2261, a circa 2,7 miliardi di anni luce dalla Terra, dalle osservazioni effettuate tra il 1999 e il 2004, secondo una dichiarazione della NASA .

Più recentemente, gli astronomi della West Virginia University hanno utilizzato l’osservatorio a raggi X Chandra della NASA e il telescopio spaziale Hubble per esplorare l’area e non sono riusciti a trovare il buco nero.

Quasi ogni grande galassia nell’universo conosciuto contiene un buco nero supermassiccio. Più massiccia è la galassia, più enorme è il buco nero. In effetti, si prevedeva che questo particolare buco nero fosse uno dei più grandi mai registrati.

Per mettere in prospettiva l’idea di qualcosa di cento miliardi di volte la massa del Sole, si stima che il buco nero supermassiccio centrale della Via Lattea sia solo quattro milioni di volte la massa del Sole.

Ma manca. Per spiegare ciò, gli scienziati hanno avanzato diverse ipotesi.

Il primo è che il buco nero potrebbe essere stato espulso dalla sua galassia ospite, a seguito della fusione di due galassie per creare una galassia ancora più massiccia.

In alternativa, i rispettivi buchi neri delle due galassie potrebbero essersi fusi in un buco nero supermassiccio ancora più grande, creando un gigantesco nucleo al centro della mega-galassia risultante. Mentre questo fenomeno deve ancora essere osservato direttamente che coinvolge buchi neri su tale scala, gli astronomi hanno osservato fusioni che coinvolgono buchi neri sostanzialmente più piccoli.

In un articolo che sarà pubblicato sulla rivista American Astronomical Society , un team guidato da Sarah Burke-Spolaor della West Virginia University ha avanzato due ulteriori possibili spiegazioni: o semplicemente non c’è un buco nero lì, o c’è davvero un nero buco che semplicemente non è abbastanza attivo da produrre una quantità notevole di raggi X da mostrare nelle osservazioni di Chandra.

Gli scienziati sperano di utilizzare il prossimo telescopio spaziale James Webb della NASA per dare un’occhiata più da vicino.

Next Post

Coca-Cola, la pandemia costringe al licenziamento di 2mila impiegati

La Coca-Cola Co. ha riferito giovedì che licenzierà 2.200 lavoratori, o il 17% della sua forza lavoro globale, come parte di una più ampia ristrutturazione volta a ridurre le sue unità aziendali. L’azienda, con sede ad Atlanta, ha detto che circa la metà dei licenziamenti avverrà negli Stati Uniti, dove l’azienda impiega circa 10.400 […]
Coca-Cola la pandemia costringe al licenziamento di 2mila impiegati