Obesity Day, problemi di peso per sempre più italiani

La nostra dieta mediterranea è una delle più salutari al mondo, ed è consigliata dagli esperti per mantenersi in forma e prevenire anche numerose patologie, eppure gli italiani, negli ultimi anni, hanno sempre più problemi di peso, ed anche nel nostro paese quindi l’obesità sta diventando una vera e propria piaga.

Nella giornata di ieri si è infatti celebrata l’Obesity Day, la giornata nazionale di sensibilizzazione per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso promossa dal 2001 dall’ADI – Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica per tramite della sua Fondazione.

Negli ultimi 50 anni, infatti, i consumi alimentari degli italiani si sono progressivamente allontanati dal modello alimentare mediterraneo, passando da un consumo medio di 2956 kcal giornaliere nel 1961 a circa 3627 kcal di oggi.  Anche il consumo di proteine è aumentato del 110,7% così come quello dei grassi di origine animale (+111,4%); i carboidrati complessi si sono ridotti di circa il 9% e il consumo di zuccheri aggiunti è cresciuto di circa il 20%.

La percentuale delle persone in sovrappeso in Italia è passata dal 33,9% del 2001 al 36,2% del 2014, soprattutto è aumentata la quota degli obesi (8,5% vs 10,2% del 2014).

In Italia oltre quattro italiani su dieci pesano più del dovuto e quasi un bambino su tre (30,6%) pesa ancora eccessivamente anche se negli ultimi anni si è verificata una riduzione del 13% per effetto dell’impegno sull’educazione alimentare a scuola e nelle case.

Per fortuna, parallelamente, secondo un’indagine Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione dell’obesity day 2017, quasi un italiano su quattro (24%) è stato a dieta per dimagrire nell’ultimo anno a dimostrazione di una crescente attenzione all’alimentazione, con un decisa svolta salutista sulle tavole degli italiani.

Dopo anni di abbandono è infatti tornata prepotentemente la dieta mediterranea con un aumento record dei consumi che va dal +7% per il pesce fresco fino alla crescita del 6% per la frutta fresca, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Ismea relativi al primo semestre del 2017.

Mai così tanta frutta e verdura – spiega la Coldiretti – è arrivata sulle tavole degli italiani da inizio secolo con una netta inversione di tendenza rispetto al passato.

Nella giornata mondiale contro l’obesità, infine, gli esperti hanno lanciato un nuovo allarme: l’economia mondiale non riuscirà a reggere il peso crescente delle malattie causate dal sovrappeso.

Le stime parlano di una spesa annua globale di 1.200 miliardi di dollari entro il 2025, a meno che non si faccia qualcosa subito per fermare un trend che sembra inarrestabile: secondo gli ultimi dati della World Obesity Federation (WOF) entro quella data nel mondo un terzo della popolazione mondiale sarà sovrappeso o obesa.

L’obesità è un problema che minaccia tutto il mondo ed è la maggiore responsabile delle cosiddette “malattie non trasmissibili”, come tumori, infarti, ictus e diabete, le principali cause di morte nel mondo moderno.

Next Post

Bonduelle, nei suoi spinaci nessuna traccia di mandragola

Nei giorni scorsi anche noi avevamo lanciato l’allarme: un’intera famiglia era rimasta intossicata, dopo aver mangiato probabilmente della mandragola, che si pensava fosse contenuta per sbaglio all’interno di alcune confezioni di spinaci surgelati Bonduelle. L’azienda, per precauzione, aveva ritirato l’intero lotto “incriminato”, ma in un comunicato aveva fatto sapere di […]