Ossessionata dai follower, la leggenda urbana di Chloe

Ti sto seguendo è una storia spaventosa su una ragazza che ha creato un account Instagram e vuole raccogliere il maggior numero possibile di follower.

Il racconto narra di un’adolescente di nome Chloe che ha creato un account su Instagram. Si faceva sempre le foto a scuola o a casa e le pubblicava online.

Chloe ha passato un sacco di tempo cercando di ottenere il maggior numero possibile di follower sul suo account. Lei era solita navigare tra gli account di altri utenti lasciando un commento sulle loro foto, dicendo: “Per favore seguimi“.

Un giorno, quando era alla ricerca di nuovi seguaci, si è imbattuto in uno strano profilo. E ‘ stato un uomo che ha scattato le foto di bambole smembrato. Non ha mai mostrato il suo volto in nessuna delle foto.

Come al solito quel giorno, Chloe aveva lasciato un commento su alcune foto: “Per favore seguimi.

Un’ora dopo, l’uomo dell’account, è diventato follower di Chloe. Ha lasciato un commento sulla sua ultima foto dicendo: ” Ti sto seguendo.

Ogni volta che lei pubblica una nuova foto, lui lascia sempre lo stesso commento. ” Ti sto seguendo.”

Non l’ha mai capito, ma a lei non interessava. Chloe era ossessionata dal raccogliere più follower possibile e ottenere più like possibile sulle sue foto.

Una sera, quando i suoi genitori erano usciti per una serata fuori, Chloe ha ricevuto un messaggio privato inviato sul suo Instagram, quando l’ha aperto, una foto era stata allegata. Quando ha aperto la foto, ha capito che era una foto di lei seduta sul suo letto.

Rimasta paralizzata dalla paura, ha iniziato a sentire un terribile freddo prendere tutto il suo corpo, dei passi avvicinarsi a lei e una voce profonda, proprio dietro di lei, dire: ” Ti sto seguendo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Scopre che la sua collezione di carte pokemon vale 40mila euro

Un papà di Sutton Coldfield ha recentemente scoperto che un set di carte Pokémon che gli sono…

Francia: Trova un topo annegato nella sua lattina

Scopre un topo nella sua lattina di Coca-Cola. L’articolo è stato riportato…