Padova, sacerdote 73enne invia foto hot nella chat coi parrocchiani

Redazione

A tutti noi è capitato di condividere od inviare per sbaglio delle immagini o dei messaggi a qualcuno, facendo confusione con i destinatari, ma si è trattato di ben più di una “gaffe” su cui ridere quella che vede protagonista un parroco della regione Veneto.

Il protagonista della brutta storia, un prete 73 anni, a fine settembre ha inoltrato su Whatsapp delle foto hard nientemeno che in una chat creata con i genitori dei bambini che riceveranno la comunione e la cresima.

Un “errore” su cui non si è potuto soprassedere, ed infatti a nulla sono valse le scuse.
Il prelato ha provato a scusarsi dicendo che la condivisione della foto era frutto di un hackeraggio del cellulare:

«Sono dispiaciuto di quanto successo ieri notte. Stamattina ho parlato col parroco e mi ha consigliato di mettermi in contatto con la polizia postale. Sono in attesa di avere delle informazioni precise», ha scritto lo stesso religioso in chat.

Ma la spiegazione non è stata giudicata convincente dalla Diocesi di Padova, tanto che si è deciso di rimuoverlo dalla sua parrocchia.

Nonostante sulla vicenda sia stato imposto il più assoluto riserbo, alla fine la faccenda è diventata di pubblico dominio.

Next Post

I mini cervelli, gli scienziati sperimentano l'esistenza senza corpo

Molti neuroscienziati che lavorano con cervelli umani cresciuti in laboratorio sono preoccupati per aver sperimentato l’orrore senza fine di un’esistenza consapevole senza corpo. Almeno questo è l’avvertimento che un team di ricercatori del Green Neuroscience Lab prevede di consegnare lunedì in una relazione, durante la conferenza nazionale per la Society […]
I mini cervelli gli scienziati sperimentano esistenza senza corpo