Papa Francesco in Iraq, si compie la profezia

Redazione

Papa Francesco potrebbe realizzare quello che viene definito come l’ultimo atto della profezia del giorno del giudizio di 900 anni fa, secondo una fonte vicina al vaticano.

Dopo che tutte le sue visite all’estero sono state cancellate a causa della pandemia, il Papa è pronto a fare quello che sarà il suo primo viaggio dopo più di un anno. 

Il portavoce vaticano Matteo Bruni ha detto che il Pontefice visiterà Baghdad, capitale dell’Iraq, e Ur, città legata alla figura dell’Antico Testamento di Abramo. L’83enne si recherà anche a Erbil, Mosul e Qaraqosh nelle pianure di Ninive, durante il suo viaggio nel marzo 2021.

Francesco ha assunto il papato nel 2013, in seguito alle dimissioni di Papa Benedetto XVI – una mossa controversa e la prima del suo genere in più di cinque secoli.

E una fonte vicina alla Chiesa ha affermato che potrebbe fare la stessa cosa anche lui.

Austen Ivereigh, l’ex direttore per gli affari pubblici del precedente arcivescovo di Westminster – il cardinale Cormac Murphy-O’Connor – ha affermato: “Non credo ci siano mai stati dubbi sul fatto che si dimetterà nel 2020. Ha chiarito fin dall’inizio che considerava l’atto di Papa Benedetto (XVI) come un atto profetico di grande modestia e non avrebbe assolutamente alcun problema a fare lo stesso“.

Ivereigh ha aggiunto: “Quello che sento ora dalle persone a lui vicine è che avrà bisogno di sette anni per realizzare il suo piano quinquennale e questo, ovviamente, significherebbe restare fino al 2020“.

La prospettiva delle sue dimissioni lascerà senza dubbio alcuni preoccupati in quanto potrebbe apparentemente adempiere a una profezia di 900 anni fatta dall’arcivescovo San Malachia del XII secolo

Ivereigh ha suggerito che il Papa potrebbe aver commentato riguardo al “segnalare a quelle persone che vogliono vedere un cambiamento nella chiesa, che non c’è molto tempo“.

Ha aggiunto: “Alcuni dei suoi avversari stanno aspettando che se ne vada e saranno incoraggiati da questo“.

Inoltre, la profezia è sempre stata controversa.

Pubblicato per la prima volta dal monaco benedettino Arnold de Wyon nel 1595, le domande circondano il motivo per cui le descrizioni dei papi fino al 1590 sono molto più accurate di quelle successive.

Gli storici generalmente concludono che la presunta profezia è una fabbricazione scritta poco prima della pubblicazione e attribuita a Malachia.

Una teoria per spiegare la creazione della profezia è stata avanzata dal sacerdote francese del XVII secolo Louis Moreri.

Credeva che fosse stato diffuso dal cardinale Girolamo Simoncelli a sostegno del suo stesso tentativo di diventare papa durante il conclave del 1590 per sostituire Urbano VII. 

Nella profezia, al papa che segue Urbano VII viene data la descrizione “Ex antiquate Urbis” o “dalla città vecchia“, e Simoncelli era di Orvieto, che in latino è Urbevetanum, la città vecchia.  

Il signor Moreri e altri hanno proposto che la profezia fosse stata creata nel tentativo, fallito, di dimostrare che Simoncelli era destinato a essere papa.

Next Post

Va in ospedale per problemi alla schiena ma scoprono la realtà

Il compagno l’aveva portata in ospedale, dove il dottore scoprì presto che il suo mal di schiena non era dovuto al ciclo. Rhea era pronta a partorire. La donna di 24 anni non sapeva cosa stesse vivendo e quindi ha perso conoscenza. Rhea non aveva idea di essere incinta. Una […]
Va in ospedale per problemi alla schiena ma scoprono la realta