Papa Francesco vola in Iraq e si profetizza la nuova Babilonia

Redazione

L’arrivo di Papa Francesco a Baghdad segna la prima visita papale nell’antica terra biblica e farà partire un pellegrinaggio di quattro giorni sulle orme di Abramo, una figura importante riconosciuta da ebrei, cristiani e musulmani.

Il Papa ha proseguito il viaggio nonostante un nuovo picco di infezioni da COVID-19 in Iraq e le preoccupazioni per la sua sicurezza, affermando che i cristiani iracheni non potevano essere “delusi per la seconda volta“. Papa Giovanni Paolo II ha cancellato i piani per un viaggio alla fine del 1999 dopo che i colloqui con il governo dell’allora presidente Saddam Hussein erano falliti e da allora il numero di cristiani in Iraq è precipitato da 1,4 milioni a circa 250.000.

Papa Francesco vola in Iraq e si profetizza la nuova Babilonia
foto@Wikimedia

La visita del Papa ha un valore altamente simbolico vista l’importanza dei cristiani iracheni nella storia del Paese, risalente al tempo dell’antica Babilonia, quasi 4.000 anni fa.

Il primo ministro Mustafa Al-Kadhimi ha dichiarato che spera che ispirerà i cristiani a tornare e aiutare a ricostruire la nazione dopo anni di devastazione sotto le mani di al-Qaeda prima e, più recentemente, dell’ISIS.

Ha detto in agosto: “Siamo felici che i cristiani tornino in Iraq e contribuiscano alla sua ricostruzione“.

Ma alcuni seguaci della Bibbia e teorici, hanno affermato che “ricostruire” questi antichi siti potrebbe adempiere una profezia “trascurata” della Bibbia: la “rinascita di Babilonia“.

I capitoli 17 e 18 di Rivelazione affermano che, per vedere la profezia realizzarsi, Babilonia “deve essere ricostruita su larga scala”.

Il Christian Post ha dichiarato nel 2018: “La Bibbia non solo mostra che una Babilonia letterale esisterà alla fine della nostra epoca, ma risorgerà nello stesso luogo del suo antico predecessore in Medio Oriente“.

L’articolo afferma che “riemergerà nella terra di Shinar conosciuta oggi come Iraq” citando Zaccaria 5:11 come prova.

Il capitolo della Bibbia dice: “E mi disse: ‘Per costruirle una casa nel paese di Scinar; quando sarà pronto, il cesto sarà posto lì sulla sua base“.

Tra gli altri luoghi che l’84enne visiterà in Iraq c’è l’ex roccaforte dell’Isis di Mosul, dove incontrerà il principale musulmano sciita iracheno, il grande ayatollah Ali al-Sistani a Najaf e l’antico sito mesopotamico di Ur.

Sono state prese misure di sicurezza aggiuntive, inclusi droni che monitorano le sue rotte, esplosivi e squadre antiterrorismo messe in attesa e migliaia di personale di sicurezza aggiuntivo schierato a guardia di lui.

Arriva dopo che mercoledì una raffica di razzi ha colpito una base che ospitava le forze statunitensi nell’Iraq occidentale.

A gennaio, Baghdad ha subito il suo primo grande attentato suicida in tre anni, quando due persone si sono fatte esplodere in un mercato affollato, uccidendo più di 30 persone.

Rivolgendosi ieri al popolo iracheno in un videomessaggio, il Papa ha affermato di essere “venuto come pellegrino, come pellegrino penitente, per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei cuori e la guarigione delle ferite“.

Ha proseguito: “Vengo in mezzo a voi anche come pellegrino di pace, in cerca di fraternità e spinto dal desiderio di pregare insieme e di camminare insieme, anche con i nostri fratelli e sorelle di altre tradizioni religiose, sui passi di Padre Abramo, che unisce in una sola famiglia musulmani, ebrei e cristiani“.

Next Post

Aspirina: Attenzione alla somministrazione

E’ uno dei farmaci spesso prescritto dai medici per curare piccoli disturbi della vita quotidiana, ma anche per curare determinate patologie, ma l’aspirina non è un farmaco senza rischi per la salute. Secondo uno studio, prenderlo potrebbe anche essere più rischioso e pericoloso che benefico.  Si tratta di uno studio pubblicato […]
Aspirina Attenzione alla somministrazione