Le bevande energetiche hanno effetti strani sull’organismo

Redazione

Una ricerca appena pubblicata dal Journal of Toxicology and Chemistry Food ha scoperto che le cellule esposte ad alcune bevande energetiche cardiovascolari hanno reazioni insolite. A volte accelerano la frequenza cardiaca e talvolta hanno effetti negativi sulla funzione cardiaca.

Gli scienziati hanno selezionato 17 marchi famosi. Quindi hanno prelevato campioni di cellule dal cuore chiamate cardiomiociti. E alla fine hanno “dato loro da bere” ciascuna delle bevande per osservare le loro reazioni e fare confronti.

Le bevande energetiche hanno effetti strani su organismo

Con sorpresa di molti, la caffeina non è l’elemento più cattivo, anche se le autorità sanitarie statunitensi hanno avvertito che non ci sono informazioni esatte sul livello di caffeina in questi tipi di bevande. Affermano inoltre che ci sono poche prove per dimostrare che effettivamente migliorano temporaneamente la vigilanza e la resistenza fisica dei loro utenti abituali.

Non ci sono prove sufficienti per dimostrare che aumentano la forza. Ma quello che si sa è che le bevande energetiche possono essere pericolose perché contengono grandi quantità di caffeina“, ha detto il portale MediPlus della US National Library of Medicine.

I giovani le mescolano le bevande energetiche con l’alcol, aumentando esponenzialmente i rischi. “È pericoloso combinare alcol e caffeina. La caffeina può interferire con la tua capacità di riconoscere quanto sei ubriaco, il che può portare a bere di più. Questo rende anche più probabili decisioni sbagliate“, ha aggiunto la pubblicazione.

Un altro composto che non era in cima alla lista dei più dannosi era la taurina, una molecola organica aggiunta alle bevande energetiche e che è stata spesso associata allo sperma di toro.

Questo mito è nato perché nei primi esperimenti condotti nell’Ottocento dai suoi scopritori, Friedrich Tiedemann e Leopold Gmelin, la molecola veniva estratta dal seme o dalla bile dei tori.

Ma il boom della taurina si è verificato negli anni ’70, quando i ricercatori hanno stabilito che è uno degli amminoacidi che fornisce un alto contenuto proteico nel latte materno ed è la chiave per lo sviluppo della vista e del cervello dei neonati.

La Mayo Clinic ha affermato che alcuni studi suggeriscono che gli integratori di taurina potrebbero migliorare le prestazioni atletiche e che, combinati con la caffeina, potrebbero migliorare le prestazioni mentali. Tuttavia, il portale medico suggerisce cautela perché sono risultati controversi e senza sufficienti studi aggiuntivi per confermarli.

Il problema è che poiché le bevande energetiche sono considerate bevande analcoliche, non hanno una stretta supervisione e i produttori aggiungono gli ingredienti a piacimento. Questa flessibilità impedisce ai consumatori di sapere esattamente cosa stanno assumendo e in quale quantità.

Dietro le parole “miscela brevettata” c’è la ricetta esatta per sostanze che hanno il potenziale per alterare il sistema cardiovascolare.

Altri studi non hanno utilizzato cellule ma coraggiosi volontari che si sono offerti volontari per studiare gli effetti di queste bevande sul corpo umano. Come quello pubblicato dal Journal of the American Heart Association, che ha selezionato 34 individui sani di età compresa tra i 18 ei 40 anni per dare loro quasi un litro di bevande energetiche di marca popolare.

Rispetto a coloro che assumevano il placebo, i partecipanti che bevevano bevande energetiche avevano intervalli QT più lunghi, che è il tempo necessario alle camere inferiori del cuore per prepararsi a un battito , fino a 4 ore dopo averlo assunto.

Questo è importante perché se l’intervallo è troppo breve o troppo lungo, potrebbe causare aritmie, che sono battiti cardiaci irregolari.

Quel gruppo aveva anche livelli di pressione sanguigna più elevati.

Sebbene gli effetti osservati fossero temporanei e non abbastanza potenti da fermare il cuore, i ricercatori ritengono che grandi quantità di tali bevande dovrebbero essere evitate in breve tempo, soprattutto per chi ha problemi cardiaci.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha preso la sua posizione e ha affermato che le bevande energetiche rappresentano un potenziale pericolo per la salute pubblica.

Gli avvertimenti non intaccano coloro che vogliono una scarica di energia in scatola. Si stima che il 68% degli abitanti tra i 10 ei 18 anni nell’Unione Europea consuma bevande energetiche. E di quel gruppo, il 12% riconosce un consumo “elevato cronico” di 7 litri al mese.

Un altro dato preoccupante è che anche il 18% dei bambini tra i 3 ei 10 anni consuma queste bevande, in un momento del loro sviluppo in cui mostrano un picco della loro attività. E non sono invenzioni o esagerazioni. Sono dati ufficiali della European Food Safety Authority (EFSA).

Next Post

Papa Francesco vola in Iraq e si profetizza la nuova Babilonia

L’arrivo di Papa Francesco a Baghdad segna la prima visita papale nell’antica terra biblica e farà partire un pellegrinaggio di quattro giorni sulle orme di Abramo, una figura importante riconosciuta da ebrei, cristiani e musulmani. Il Papa ha proseguito il viaggio nonostante un nuovo picco di infezioni da COVID-19 in […]
Papa Francesco vola in Iraq e si profetizza la nuova Babilonia