Pendolari, niente risarcimento per il troppo stress

Quante volte, per andare a scuola, all’università o al lavoro ci siamo dovuti sorbire ore e ore stipati in treni e pullman stracolmi, spesso poco puliti e ancora meno sicuri?

Se è vero che non è certo un bel modo per iniziare o per chiudere una giornata, lo stress che si “guadagna” a fare i pendolari non è risarcibile: a stabilirlo la Corte di Cassazione con una sentenza destinata a far storia.

Tutto era partito dalla richiesta di risarcimento per danno esistenziale avanzata da un professionista che tutti i giorni viaggia da Piacenza a Milano in balia di “ritardi sistematici, sporcizia e affollamento”.

La Cassazione ha stabilito che per ottenere il risarcimento per lo stress dei viaggi da incubo non basta aver viaggiato in piedi su treni gelati d’inverno e torridi d’estate, in ritardo sette mesi su sette, con bagni sporchi e mai un posto a sedere libero, in palese violazione degli standard di “comfort del viaggio” siglati con le Regioni.

I giudici hanno riconosciuto i disservizi che l’uomo è costretto ad affrontare ogni giorni, ma per loro bisogna comunque provare l’effetto di questi disservizi sul piano personale, tenendo presente che serve “un grado minimo di tolleranza”.

Next Post

Mamma sconvolta dal comportamento della suocera

Una madre sconvolta dal comportamento della suocera verso il nipotino. Quando si tratta di avere un bambino, una delle decisioni più difficili da prendere è quella del nome del piccolo. Una mamma ha voluto condividere la sua storia alquanto strana, lei e il marito avevano pensato di aver trovato il […]