Pentagono potrebbe essere stato violato da hacker russi

Oramai il concetto di sicurezza in rete è alquanto relativo, se neppure i colossi del calibro del Pentagono possono dirsi al sicuro da attacchi hacker sferrati da ogni parte del mondo.

Come hanno riferito fonti anonime raccolte dalla NBC che parlano di “nuove e differenti vulnerabilità” nel sistema informatico del Governo, circa due settimane fa il Pentagono  ha messo offline il sistema di gestione delle email del suo staff a seguito di un cyberattacco definito “sofisticato” e attribuito a presunti attaccanti russi.

Oggetto dell’attacco – definito una “sofisticata intrusione” dalla NBC News – è stato il sistema di posta dello Stato Maggiore statunitense lo scorso 25 luglio. Lo Stato Maggiore, oggetto dell’attacco, conta circa 2500 dipendenti tra militari e civili. L’intrusione non avrebbe interessato dati sensibili, colpendo solo mail ed account considerati non classificati.

Usa e potenze rivali sono da tempo impegnati in una guerra informatica sottotraccia: solamente  dieci giorni prima dell’attacco il Pentagono aveva avvertito che almeno cinque utenti dei computer del dipartimento della Difesa erano sotto attacco.

Next Post

Milano, tutelare il verde intitolando alberi ai defunti

Che Milano sia una grande città, frenetica e ricca di palazzi ed edifici non è certo una scusante per non dedicare al verde e ai parchi pubblici la loro giusta importanza, tutelandoli nel miglior modo possibile. In quest’ottica è stato appena approvato dalla Giunta di Milano il nuovo regolamento sul […]