Perchè ci dimentichiamo i nomi delle persone?

Redazione

Uno studio ha rivelato perchè molti fanno fatica a ricordare i nomi delle persone, anche quelle che si sono presentate pochi istanti prima.

Perche ci dimentichiamo i nomi delle persone

Molti sono irritati da ricordi che vorrebbero cancellare ma che puntualmente tornano in mente, altri invece sono infastiditi dal problema opposto, quello di dimenticare sempre tutto compreso i nomi delle persone che magari ci sono state presentate pochi istanti prima.

Gli scienziati erano interessati ad esaminare la situazione trovando modi per aiutarci ad “abbinare” i nomi ai volti.

Lo studio, pubblicato sulla rivista medica NPJ: Science of Learning, ha coinvolto ricercatori del dipartimento di psicologia della Northwestern University, del programma di scienze cognitive e del programma interdisciplinare di neuroscienze.

In primo luogo, hanno chiarito che “il riconoscimento, a memoria, dei volti, compreso il richiamo del nome di una persona, è di grande importanza nella vita sociale. Come molte altre funzioni di memoria, anche questa è legata al sonno. Abbiamo studiato se la riattivazione della memoria mirata – durante il sonno – potrebbe migliorare gli aspetti associativi e percettivi della memoria facciale“.

Per scoprire se questo sta realmente accadendo, hanno chiesto alle 24 persone che hanno preso parte alla ricerca di studiare 80 foto di cui sopra e ciascuna un nome specifico.

Quindi, mentre i volontari erano in pausa per un pisolino di mezzogiorno, gli scienziati hanno avviato una presentazione a basso volume e parlata di un sottoinsieme di questi nomi, con musica di sottofondo pertinente. “Questa manipolazione ha migliorato il ricordo del nome e l’associazione del nome del volto per ciò che avevano sentito nel sonno“. La menzione verbale dei nomi è avvenuta durante la fase N3 del sonno.

Durante il sonno, il nostro corpo alterna tra il tipo REM (Rapid Eye Movement – che, oltre al movimento rapido degli occhi, ha una respirazione irregolare – possibilmente anche apnea -, mentre lì vediamo un sogno e sentiamo una paralisi virtuale del corpo) e il tipo non REM.

Ciò comporta tre fasi.

1- si verifica immediatamente dopo che ci addormentiamo e dura 10 minuti: questo è un sonno leggero.

2- dura da 30 minuti a un’ora e i nostri muscoli si rilassano, mentre l’attività cerebrale “cade”.

3- è il sonno profondo che dura dai 20 ai 40 minuti e l’attività cerebrale aumenta, mentre possiamo anche fare dei movimenti. Difficilmente però ci sveglieremo.

Nello studio (iniziato collegando i partecipanti a una macchina per la registrazione delle onde cerebrali, prima che gli venisse chiesto di dormire) dove c’era un disturbo del sonno, non c’era una buona memoria. La tecnica utilizzata ha aiutato i partecipanti a ricordare 1 1/2 nomi in più dopo il risveglio.

Gli scienziati hanno affermato a conclusione: “la nostra ricerca ha dimostrato che i ricordi possono essere riattivati ​​durante il sonno e le capacità di memoria possono essere migliorate dopo il risveglio”. Hanno riconosciuto che ciò che hanno fatto è stato fatto su un piccolo campione “tuttavia, l’idea di quanto potremmo essere in grado di imparare mentre dormiamo di qualità è eccitante“.

Next Post

Qual è la posizione migliore per dormire con questo caldo?

Qual è, secondo la scienza, la posizione ideale per dormire durante le ondate di caldo che stiamo vivendo in questa estate. Cercare di trovare la posizione perfetta per dormire è davvero difficile e spesso ci rigiriamo e ci rigiriamo tutta la notte e la cosa peggiore è farlo durante queste […]
Quale la posizione migliore per dormire con questo caldo