Perchè i meteorologi spesso non ci azzeccano?

Redazione

Mentre la maggior parte degli scienziati è riuscito a dare un senso al nostro complesso universo, i meteorologi spesso vanno incontro a strafalcioni.

I meteorologi hanno migliorato lo sviluppo delle previsioni metereologiche in modo significativo negli ultimi 20 anni. Le previsioni di tre giorni che forniscono oggi sono migliori delle previsioni giornaliere fornite 20 anni fa.

I meteorologi moderni non sarebbero altrettanto precisi senza una previsione numerica, che utilizza equazioni matematiche per prevedere il tempo.

Tali previsioni richiedono computer potenti e molti dati di osservazione raccolti da terra, mare e aria. Una singola stazione meteorologica non sarebbe mai in grado di raccogliere così tante informazioni.

Invece, migliaia di stazioni in tutto il mondo sono collegate e i loro dati raccolti. Alcune di queste stazioni – anemometri a terra, collettori di pioggia e sensori di temperatura – sono simili a quelle utilizzate dai meteorologi dilettanti.

Altri giacciono lontano sul mare e altri ancora viaggiano su voli commerciali o mercantili, raccogliendo dati meteorologici mentre passeggeri e merci vengono spostati dal punto A al punto B.

Infine, i satelliti meteorologici e i palloni forniscono informazioni dalle parti superiori dell’atmosfera. I satelliti fotografano il tempo della Terra dalla loro orbita nello spazio,

In totale, tutti questi sensori e target forniscono oltre 1 milione di osservazioni meteorologiche ogni giorno.

Fortunatamente, i meteorologi possono fare affidamento sui supercomputer, macchine che eseguono milioni di calcoli al secondo.

Negli Stati Uniti, questi computer si trovano presso i National Centers for Environmental Prediction (NCEP), con sede a Camp Springs, Md.

Ci sono osservazioni meteorologiche di supercomputer, che utilizza modelli matematici complessi per prevedere come, sulla base dei dati in arrivo, le condizioni meteorologiche possono cambiare nel tempo.

La produzione informatica è alla base di quasi tutte le previsioni trasmesse dai canali radiofonici e televisivi di tutta l’America.

Perche i meteorologi spesso non ci azzeccano

Nonostante i nostri migliori sforzi per prevedere il tempo, previsioni sbagliate e giornate completamente diverse da come previsto, fanno e faranno ancora parte del nostro futuro.

Si potrebbe pensare che i supercomputer non possano mai commettere errori, ma anche le loro capacità non sono all’altezza dell’enorme sfida delle previsioni meteorologiche.

Questo perché devono tenere conto di diversi grandi fenomeni, ognuno dei quali è governato da diverse variabili e fattori.

Ad esempio, devono considerare come il sole riscalderà la superficie terrestre, come le differenze di pressione dell’aria formeranno il vento e come le fasi di cambiamento dell’irrigazione (dal ghiaccio all’acqua o dall’acqua al vapore) influenzeranno il flusso di energia.

Devono anche provare a calcolare gli effetti della rotazione del pianeta nello spazio, che sposta la superficie terrestre al di sotto dell’atmosfera. Piccole modifiche in una variabile in uno di questi complessi calcoli possono avere un impatto importante sul tempo futuro.

Negli anni ’60, un meteorologo del MIT di nome Edward Lorenz ha fornito una descrizione appropriata di questo problema. Lo ha chiamato l’effetto farfalla, riferendosi a come una farfalla che sbatte le ali in Asia può cambiare drasticamente il tempo a New York.

Oggi Lorenz è conosciuto come il padre della teoria del caos, un insieme di principi scientifici che descrivono sistemi molto complessi, come i sistemi meteorologici, dove piccoli cambiamenti nelle condizioni iniziali cambiano radicalmente i risultati finali.

A causa del caos, c’è un limite all’accuratezza delle previsioni meteorologiche. Lorenz ha fissato questo limite a due settimane.

I meteorologi moderni utilizzano tecnologie e tecniche all’avanguardia per resistere al caos, come le previsioni di insieme, che consistono in diverse previsioni, ciascuna basata su punti di partenza leggermente diversi.

Se ogni previsione nell’ensemble sembra così, probabilmente il tempo “sarà così”. Se una previsione sembra una differenza radicale, è più probabile che la previsione “fallisca”.

I meteorologi si affidano anche al radar Doppler per monitorare le condizioni meteorologiche in modo più efficace e migliorare le previsioni.

Il radar Doppler richiede un trasmettitore per inviare onde radio nel cielo. Le onde vagano oggetti atmosferici e rimbalzano.

Le nuvole che si allontanano dal trasmettitore restituiscono diversi tipi di onde rispetto alle nuvole che si muovono verso il trasmettitore.

Un computer nel radar converte i dati sulle onde radio riflesse in immagini che mostrano la copertura nuvolosa e le fasce di precipitazione, nonché la velocità e la direzione del vento.

Grazie a questa tecnologia, i meteorologi ora possono prevedere il tempo meglio che mai, soprattutto quando limitano la distanza di guardare avanti.

Ad esempio, fino a 12 ore all’aperto, i meteorologi offrono previsioni relativamente affidabili per condizioni generali e tendenze.

Purtroppo, grazie al caos, non saranno mai in grado di prevedere il tempo con assoluta certezza, ecco come sorprendono tempeste, tornado, piogge torrenziali, che continuano a distruggere la società con poco preavviso.

Per questo motivo, potrebbe essere meglio portare un ombrello, anche nelle giornate che si prevede siano luminose e soleggiate.

fonte@WordssideKick.com

Next Post

Omicron: Quanto si diffonde nelle famiglie

Con quanta facilità si diffonde all’interno delle famiglie la variante omicron del coronavirus? Che ruolo hanno i bambini in questo? E aiuta se sei vaccinato? Lo scopo di una ricerca, che sarà effettuata nei Paesi Bassi, è di approfondire la diffusione della nuova variante omicron del coronavirus. “Vogliamo scoprire fino […]
Omicron Quanto si diffonde nelle famiglie