Perdita dell’olfatto, più presente nei casi meno gravi di coronavirus

Redazione

La perdita dell’olfatto, clinicamente nota come anosmia, è uno dei primi sintomi avvertiti dalle persone contagiate da coronavirus e spesso uno dei soli a presentarsi.

Perdita olfatto piu presente nei casi meno gravi di coronavirus

Ora, un nuovo studio su circa 2.500 pazienti con COVID-19 ha rilevato che un naso difettoso colpisce principalmente quelli con casi lievi – quasi l’86% – mentre colpisce solo leggermente le persone con malattie moderate (4,5%) e casi da gravi a critici (6,9% ).

Sebbene il 95% delle persone incluse nello studio abbia risentito del proprio senso dell’olfatto entro sei mesi dall’infezione, alcuni hanno sperimentato il sintomo più a lungo.

I ricercatori hanno analizzato le risposte auto-riferite a un questionario online di 2.581 pazienti COVID-19 che risiedevano in 18 diversi ospedali europei tra il 22 marzo e il 3 giugno.

La maggior parte dei casi di anosmia è stata riscontrata in pazienti con casi lievi di COVID-19 – quelli senza evidenza di polmonite virale o livelli di ossigeno anormalmente bassi – e sembrano verificarsi più frequentemente nei pazienti giovani rispetto a quelli più anziani, secondo lo studio.

La mancanza di odori è durata in media circa 22 giorni, ma quasi un quarto dei pazienti affetti ha affermato di non aver recuperato i sensi fino a circa due mesi dopo. Oltre un terzo dei pazienti ha riferito di aver recuperato l’odore entro due settimane dalla sua perdita.

I ricercatori non sono sicuri del motivo per cui le persone con casi più lievi hanno maggiori probabilità di perdere il loro olfatto, ma dicono che potrebbe avere qualcosa a che fare con la loro risposta immunitaria.

I pazienti con infezioni lievi da COVID-19 potrebbero essere in grado di combattere meglio il virus a livello locale, il che significa che l’agente patogeno non si diffonde molto oltre il tratto respiratorio superiore. Questo crea un’infiammazione che interferisce con le cellule vicine che aiutano a elaborare gli odori, bloccando la loro capacità di svolgere il proprio lavoro.

Le persone che non hanno il senso dell’olfatto per lunghi periodi di tempo hanno probabilmente subito più “lesioni” alle loro cellule olfattive, hanno detto i ricercatori, ma la rigenerazione di queste cellule è possibile, potrebbero essere necessari solo “diversi mesi”.

Molti pazienti con coronavirus riportano anche sintomi di congestione nasale simili al comune raffreddore, che a volte include una mancanza di odore per circa due o tre settimane, ha detto il team. Nasi temporaneamente ostruiti durante l’infezione da coronavirus potrebbero “spiegare in parte” perché alcune persone recuperano l’olfatto più rapidamente di altre.

I ricercatori hanno confrontato le risposte auto-riferite con test oggettivi che hanno confermato se i pazienti hanno perso l’olfatto e hanno anche scoperto che l’anosmia è più prevalente negli individui con casi lievi di COVID-19 (55%) e in quelli con malattie moderate (37%) – persone con segni clinici di polmonite come febbre, tosse e respiro accelerato.

Sebbene sia solo leggermente fastidioso per alcuni, la perdita permanente dell’olfatto può portare a depressione e ansia in altri, ricerche precedenti hanno scoperto, ma un gruppo di neuroscienziati della Harvard Medical School dubita che questo sia il caso delle persone che si sono riprese da COVID-19.

Il loro studio ha scoperto che il coronavirus non infetta e / o danneggia direttamente i neuroni sensoriali che rilevano e inviano i sensi dell’olfatto al cervello, ma colpisce piuttosto le cellule di supporto che li circondano.

Next Post

Con il coronavirus è sparita la normale influenza?

A parte la mortale pandemia di coronavirus, sia in Europa che Negli Stati Uniti, il virus dell’influenza starebbe già colpendo milioni di persone in questo periodo dell’anno. Ma gli operatori sanitari non vedono i loro pazienti affetti da influenza standard in questa stagione, suggerendo che il virus non sta facendo […]
Con il coronavirus sparita la normale influenza