Ritorna in edicola l’Unità, il quotidiano storico fondato da Gramsci

Dopo un anno di assenza, ieri è finalmente tornata in edicola l’Unità: 250 mila copie stampate per festeggiare il grande ritorno, con una veste grafica rinnovata, un nuovo assetto societario e tanta attesa dai parte dei fedelissimi dello storico quotidiano fondato da Antonio Gramsci.

Il nuovo direttore è Erasmo D’Angelis giornalista con un passato in Rai e al Manifesto, che ha appena lasciato l’incarico di coordinatore di #italiasicura, la struttura di missione di Palazzo Chigi contro il dissesto idrogeologico.

Rinasce anche l’Unità on line con una prima pagina dedicata ai saluti e a interviste a personaggi come il presidente Mattarella, quelli di Camera e Senato, Boldrini e Grasso, direttori delle “vecchie” Unità, Veltroni.

“E’ sempre una buona notizia quando un quotidiano riesce a ripartire, dopo che tante voci sono scomparse. Ma lo è ancora di più se si tratta dell’Unità, la testata fondata da Antonio Gramsci, che è parte importante delle nostre radici, ma che sono convinto sarà parte importante anche del nostro futuro”: queste le parole del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

“Riportare il quotidiano in edicola era un mio impegno personale, oggi è una promessa mantenuta”, ha spiegato il premier Matteo Renzi in una lettera inviata agli iscritti al Pd.

Next Post

Napoli, uomo accusato di molestie su 12 enne linciato dalla folla

Solo l’intervento tempestivo dei carabinieri ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente e si verificasse una vera e propria tragedia. I fatti sono accaduti a Napoli, precisamente nei Quartieri Spagnoli, uno dei più antichi ma anche più problematici quartieri del capoluogo partenopeo: un ragazzo di 23 enne è stato inseguito […]