Roma invasa dal guano, forte pericolo tubercolosi

Se questo per Roma è un anno assolutamente speciale, per il giubileo straordinario iniziato lo scorso dicembre, di certo non è una bella immagine della città eterna quella che accoglie i numerosi turisti.

Roma infatti, a causa delle temperature troppo alte per la stagione, si è ritrovata invasa da stormi di uccelli disorientati e quindi è stata letteralmente ricoperta di guano.

E non è solo una questione di immagine: il guano infatti è una sostanza estremamente acida, che rovina i monumenti, ed anche molto infettiva, esponendo abitanti e turisti a gravi infezioni.

E arriva anche la denuncia dell’Aduc, Associazione per i diritti degli utenti e consumatori, sull’emergenza guano: “nelle feci degli storni, che ricoprono il manto stradale, può annidarsi il germe della tubercolosi”.

Negli escrementi che ricoprono il manto stradale, spiega l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, “può annidarsi il mycobacterium tubercolosis avio”, cioè il germe della tubercolosi. “Essendo ricoperto da uno strato ceroso – fa sapere l’Aduc –, può rimanere mesi nelle feci che gli storni lasciano sulle strade e che una volta seccati, vengono polverizzati, trasportati dal vento e respirati dall’uomo insieme al batterio. Il mycobacterium avio può provocare la tubercolosi nell’uomo, specie in soggetti debilitati e nei bambini che sono a minor distanza dal suolo”.

La soluzione, secondo l’Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, sarebbe quella di “una frequente pulizia delle strade e di avviare operazioni di contenimento della presenza degli storni”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Insonnia: Può essere legata agli ictus

Uno studio osservazionale su mezzo milione di persone ha mostrato che i…

Malaria, il ceppo che ha ucciso Sofia forse diverso di quello dei bimbi ricoverati

Non c’è alcuna certezza che il ceppo del parassita che a Brescia…