Samsung e le lenti a contatto smart

Redazione

Il colosso tecnologico Samsung ha depositato un brevetto per delle lenti a contatto smart, le quali sarebbero provviste di display, fotocamera, antenna per connettività wireless, sensori di movimento e per il battito della palpebra.

Queste lenti smart sarebbero in grado di immortalare e fotografare ciò che colpisce il nostro occhio, in questo modo si azzererebbe il lasso di tempo necessario per prendere lo smartphone e attivare la fotocamera. Le foto scattate dalle lenti a contatto potranno poi essere lette da un device associato.

Mentre sono alla ribalta dei gioielli di tecnologia per la realtà aumentata come Samsung Gear Vr o gli Oculus Rift, l’azienda Samsung si proietta in una visione nettamente più ampia e ancora più immersiva dei dispositivi da indossare. Rimane il problema privacy: le lenti a contatto sarebbero un dispositivo pericoloso in mani sbagliate, poiché in grado di scattare fotografie all’insaputa di altre persone, visto che si tratterebbe di un device praticamente invisibile.

Ciononostante rimane un’idea innovativa che porta il concetto dei dispositivi indossabili su un livello che rasenta la fantascienza. Non è ancora chiaro se le lenti smart verranno commercializzate. Nel frattempo anche il colosso Google è all’opera riguardo la realizzazioni di lenti simili, ma progettate per scopi diversi, ovvero incentrate nell’ambito sanitario, al fine di garantire vantaggi nella prevenzione di certe patologie, come ad esempio la misurazione della glicemia.

Next Post

Abbraccialo per me, diversità e musica nel film di Vittorio Sindoni

Vittorio Sindoni nel suo “Abbraccialo per me” nelle sale italiane da giovedì 21 aprile, affronta il tema della disabilità mentale. Qualcuno ha definito quello di Sindoni un “piccolo e coraggioso film che bussa con forza alle nostre coscienze”. E non poteva esserci definizione migliore. Le nostre coscienze sono intenerite dall’amore fra […]
Abbraccialo per me, diversità e musica nel film di Vittorio Sindoni