Sanità privata, un salasso per le tasche degli italiani

Purtroppo l’Istat, negli ultimi anni, ha più volte documentato come la crisi ha spinto molti italiani a rinunciare anche alle cose più serie, e non parliamo certo di vacanze o abiti firmati: molti italiani non possono permettersi cure mediche perché la sanità pubblica prevede tempi di attesa lunghissimi, e quella privata conti fin troppo esosi.

Troppo lunghe le liste di attesa nelle regioni di residenza e troppo caro il viaggio verso un’altra regione dove il sistema sanitario pubblico è più efficiente: il Censis rileva che a soffrire questa situazione sono 2,4 milioni di anziani e 2,2 milioni di giovani sotto i 35 anni, che sono costretti a rinunciare addirittura alle cure.

E nuovi dati appena diffusi lo confermano: chi si rivolge alla sanità privata, alla fine dell’anno si conta una media di 574 euro a persona spesi in media durante l’anno.

A rivelarlo sono i dati contenuti nel rapporto della Corte dei conti sul coordinamento della finanza pubblica 2017.

Nel 2015, su un totale di 34,9 miliardi, gli abitanti delle regioni del nord hanno speso 19,7 miliardi di euro, pari al 56,5 per cento del totale. Al centro invece la cifra si aggira sui 6,8 miliardi, pari al 19,5 per cento. Al sud invece la spesa è di 8,4 miliardi, ossia il 24 per cento del totale.

Andando a vedere a livello regionale, al primo posto c’è la Valle d’Aosta con una spesa procapite di 799 euro, pari a 102 milioni di euro complessivi.

Al secondo c’è la Lombardia con 782 euro, che da sola vale 7,8 miliardi, il 22,4% del totale nazionale. Al terzo posto si attesta invece il Trentino Alto Adige, con 764 euro (808 milioni).

Poi, a completare le prime 8 posizioni, ci sono Emilia Romagna (697 euro, 3,1 miliardi totali), Veneto (693, 3,4 miliardi) e Piemonte (645, 2,8 miliardi); seguono Toscana (597, 6,8 miliardi) e Lazio (592, 3,5 miliardi), dove si spende sempre di più della media nazionale.

Ultime 5 posizioni per Basilicata, a 416 euro procapite e 240 milioni totali, Molise (394, 123 milioni), Calabria (377, 745 milioni), Sardegna (354, 589 milioni), Campania (304, 1,8 miliardi).

 

Loading...
Potrebbero interessarti

La riabilitazione dall’ictus passa attraverso l’elettrostimolazione del cranio

Il pericolo principale, per chi viene colpito da ictus, è quello di…

Campania, doppie indennità ai medici per 10 milioni di euro

Se già la Sanità pubblica italiana si trova a fare i conti…