Sardegna, presunto estremista islamico progettava un attentato?

Per fortuna il nostro paese è stato, negli ultimi anni, tra quelli meno colpiti dalla furia omicida degli estremisti islamici, anche grazie alla bravura della nostra intelligence e delle nostre forze armate.

Nelle scorse ore, però, a quanto pare abbiamo rischiato grosso: un blitz antiterrorismo è stato infatti portato a termine in provincia di Nuoro dal Nocs (Nucleo operativo centrale di sicurezza) della polizia di Stato ed un uomo è finito in stato di fermo.

A quanto pare l’uomo, che è stato individuato a Macomer, sembrerebbe stesse progettando un attentato.

L’uomo, sempre secondo quanto si apprende, aveva un permesso di soggiorno e un documento palestinese.

Secondo il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, il 38enne stava progettando “un attacco” con “la ricina e l’antrace”. Un attentato, secondo l’ipotesi investigativa, da compiere in Sardegna, avvelenando una condotta idrica potabile.

Gli investigatori, riferiscono fonti interne, sono arrivati a lui in seguito a delle indagini connesse al tentativo di acquisto di materiali utili a confezionare un ordigno chimico-biologico, pensato appunto per avvelenare falde acquifere, serbatoi o acquedotti.

Next Post

Shoah, i parenti delle vittime saranno risarciti dalle ferrovie olandesi

Un gesto dal grande valore simbolico, un mea culpa tardivo che dovrebbe contribuire a tener ben viva la memoria storica, per non ricadere negli stessi errori compiuti oltre mezzo secolo fa. Ora che gli ultimi superstiti stanno l’uno dopo l’altro morendo, senza essersi neppure visti riconosciuti appieno giustizia, le ferrovie […]