Scienziati trovano un nuovo tipo di coronavirus in Giappone

Redazione

Un team di scienziati giapponesi ha scoperto un nuovo tipo di coronavirus simile al ceppo che causa il Covid-19, nello sterco dei pipistrelli delle caverne.

I ricercatori dell’Università di Tokyo hanno trovato il patogeno nelle feci di piccoli pipistrelli a ferro di cavallo nelle terre selvagge del Giappone sette anni fa. Una nuova indagine ha scoperto che è sorprendentemente simile a SARS-CoV-2, il ceppo di coronavirus che causa il Covid-19.

La composizione genetica del nuovo virus è coerente per l’81,5% con SARS-CoV-2 e gli esperti dicono che è la prima volta che in Giappone viene trovato un agente patogeno simile a quello responsabile dell’attuale pandemia.

Scienziati trovano un nuovo tipo di coronavirus in Giappone

I coronavirus che si trasferiscono dagli animali all’uomo sono stati responsabili di una serie di malattie, tra cui Covid-19, SARS, MERS e alcune versioni del comune raffreddore. Per fortuna, gli scienziati affermano che il nuovo virus non infetta gli esseri umani, sebbene siano necessarie ulteriori indagini.

“Si pensa che solo un piccolo numero di coronavirus sia pericoloso, ma è innegabile che ci siano specie che infettano l’uomo in Giappone”, ha spiegato il professor Shin Murakami. “Investigheremo sugli animali selvatici e indagheremo prontamente sulla situazione reale. Dobbiamo capirlo. “

Non è la prima volta che viene trovato un coronavirus simile a SARS-CoV-2. Scienziati cacciatori di malattie in Cina hanno scoperto che i coronavirus corrispondono al 95 percento genetico con il ceppo che ha causato oltre 1,2 milioni di morti in tutto il mondo, secondo le statistiche ufficiali.

Next Post

Trovato asintomatico contagioso per oltre 70 giorni

I ricercatori lanciano l’allarme su un caso straordinario in cui un paziente leucemico che è stato infettato da Covid-19 ha emesso particelle virali infettive per 70 giorni senza presentare alcun sintomo. Il team medico lo ha descritto come “il caso più lungo di chiunque sia stato attivamente infettato da SARS-CoV-2 pur […]
Trovato asintomatico contagioso per oltre 70 giorni