Settant’anni di storia per l’amatissimo bikini

Nei film in bianco e nero, quelli che ormai ci mostrano un mondo che i nostri figli neppure conoscono, le donne in spiaggia non solo andavano in spiagge separate, dove non potevano essere toccate dallo sguardo maschile, ma erano “fasciate” in costumi lunghi e larghi, che nascondevano non solo ogni forma, ma anche buona parte di bambe e braccia.

La rivoluzione avvenne esattamente 70 anni fa: era il 5 luglio 1946 quando Louis Réard presentò a Parigi il bikini moderno, l’oggetto che creò da subito scalpore e divenne simbolo di trasgressione, nonché una sorta di emancipazione delle donne dell’epoca.

Louis dovette chiamare una spogliarellista a indossarlo durante la presentazione il 5 luglio. Nessuna professionista della moda, infatti, vuole rischiare di mostrarsi in pubblico con un costume così succinto.

Al momento della sua nascita ufficiale il costume a due pezzi che i suoi ideatori inizialmente avevano pensato di chiamare Atome, viene ribattezzato con il nome di Bikini, preso in prestito dall’omonimo atollo della Micronesia. La scelta nasce dalla suggestione e dalla preoccupazione suscitata nel mondo intero dalla scelta degli Stati Uniti di far esplodere in via sperimentale due bombe all’idrogeno sugli isolotti di quell’atollo.

Il cinema ebbe un ruolo fondamentale per il successo del bikini, quando una giovane Brigitte Bardot lo indossò a Cannes. La bella e affascinante BB pose fine al tabù. Seguì il film Manina, The Girl in Bikini, dove indossò un secondo modello.

Nel 1962 Ursula Andress strega James Bond emergendo dalle acque come una Venere con indosso il suo Dr.No Bikini, negli stessi anni, a Saint Tropez.

Oggi è un must irrinunciabile, anche per chi  non ha un corpo perfetto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Katie Holmes: incredibile quella clausola di divorzio con Tom Cruise

Della loro storia se ne parla ormai dal 2013, ma oggi vengono…

Federica Lepanto passerà l’estate in dolce compagnia

Se con l’inizio dell’estate molte coppie scoppiano per il desiderio di godersi…