Si stanno perdendo gli anticorpi per le vecchie malattie

Redazione

Gli scienziati hanno affermato che la conseguente interruzione da malattie stagionali, compresa l’influenza, potrebbe causare seri problemi, come riferisce il portale The Atlantic.

In connessione con la quarantena dovuta alla pandemia di coronavirus, la diffusione di una varietà di malattie respiratorie è stata ridotta al minimo. Gli esperti ritengono che in futuro i focolai di influenza potranno diventare più gravi e possono verificarsi nei momenti più inopportuni.

Si stanno perdendo gli anticorpi per le vecchie malattie

Va notato che non solo è diminuito il numero di casi di influenza, ma anche il numero di altre malattie respiratorie. A causa di una tale interruzione, le persone possono diventare più indifese di fronte a queste tipologie di virus, perché non svilupperanno l’immunità dopo una malattia. Inoltre, possono sorgere ceppi completamente nuovi di infezioni e virus, che porteranno alle conseguenze più inaspettate.

Svetlana Bansal ha affermato che la suscettibilità delle persone a nuove patologie sta gradualmente aumentando. Ad esempio, nel tempo, i bambini praticamente non entreranno in contatto con quei virus che sono apparsi solo di recente e gli adulti, a loro volta, perderanno l’immunità alle malattie più vecchie.

Rachel Baker ha aggiunto che la mancanza di immunità o un sistema immunitario indebolito è il vero carburante per i focolai stagionali. E più persone con un’immunità debole, peggiori saranno le conseguenze.

Next Post

Covid, sintomi di confusione mentale a cosa sono dovuti

Quella che viene definita più comunemente come “cervello offuscato o nebbia nel cervello” è uno dei sintomi del coronavirus, provoca confusione mentale, mal di testa, perdita di memoria a breve e lungo termine e, nei casi più gravi, psicosi e convulsioni. La rivista Cancer Cell , ha pubblicato uno studio di un […]
Covid sintomi di confusione mentale a cosa sono dovuti