Sinead O’Connor, in un video il baratro in cui è sprofondata

Un appello disperato, un grido di aiuto che si spera non resterà inascoltato: Sinead O’Connor si sente sempre più sola e disperata e ha scelto di raccontarlo, a chiunque voglia ascoltarla, in un video sui social che in poche ore ha già fatto il giro del mondo.

La cantautrice irlandese vive già da qualche anno di alti e bassi emotivi, con crisi ricorrenti. I suoi fan vivono sempre con preoccupazione il suo stato di salute, dopo che era andata in overdose nel 2015.

Sinéad O’Connor stavolta ha postato sul proprio profilo Facebook un video di più di dieci minuti in cui esprime piangendo tutta la disperazione di una donna sola e malata.

“Non c’è nessuno nella mia vita, a parte il mio dottore e il mio psichiatra, che è l’uomo più dolce della Terra e dice che sono la sua eroina. Questa è l’unica cosa che in questo momento mi mantiene in vita” ammette.

Poi scoppia a piangere: “Ho dato così tanto amore nella mia vita… La malattia mi ha stigmatizzata: improvvisamente, la gente ha iniziato a trattarmi come una nullità”.

Tra i colpevoli della sua depressione, anche i familiari: “Non fanno altro che puntare il dito. Io sto lottando, lottando, lottando… per quanto possibile. Ho camminato su questa terra da sola per due anni a causa dei miei problemi mentali. Questo mi fa arrabbiare perché nessuno si è mai preso cura di me”.

“Voglio che tutti sappiano cosa significa e perché faccio questo video. Le malattie mentali sono come le droghe, sono uno stigma: all’improvviso tutte le persone ce dovrebbero amarti e prendersi cura di te ti trattano male” chiosa.

La O’ Connor è stata una tra le voci più affascinanti degli anni ottanta e novanta, artista dalla spiccata personalità, che deve la sua fama sia alla musica ma anche al suo essere anticonformista ed è ricordata per il suo look fuori dal comune e le sue opinioni controverse. Oggi di quella sua unicità è rimasto ben poco e noi le auguriamo di rimettersi in sesto al più presto, per tornare ad incantare col suo talento e la verve innata.

Next Post

Dustin Hoffman spegne le sue prime 80 candeline

Un traguardo importante, un’età in cui la maggior parte delle persone sono già a riposo dalla professione  da un bel po’, ma lui è un’eccezione, come è stata eccezionale tutta la sua lunghissima carriera: Dustin Hoffman spegne le sue prime 80 candeline e ci manca poco che non lo faccia […]