Sono i geni a decidere quante volte andiamo in bagno

Redazione

I movimenti intestinali sono fondamentali per il nostro equilibrio ormonale, secondo i medici, ma è vero che i nostri geni decidono quante volte andiamo in bagno.

Sono i geni a decidere quante volte andiamo in bagno
foto@depositphotos.com

Ci sono persone che vanno una o più volte al giorno e altre che non fanno visite regolari, con i medici che sottolineano che i movimenti intestinali quotidiani sono fondamentali per il nostro equilibrio ormonale.

Uno studio pubblicato su Cell Genomics e dati da 167.875 persone provenienti da Regno Unito, Paesi Bassi, Stati Uniti, Belgio e Svezia afferma che i geni (trasmessi a noi dai nostri genitori) possono influenzare la frequenza con cui svuotiamo le nostre viscere.

Si fa notare che questi geni possono nascondere informazioni sulle cause dei disturbi gastrointestinali, che i medici non sono ancora riusciti a decifrare.

Ad esempio, la sindrome dell’intestino irritabile, che alcuni chiamano colite spastica. Secondo UCSF Health (uno dei migliori ospedali al mondo, presso l’Università della California a San Francisco) include sintomi intestinali come dolore addominale, gonfiore, gas e alterazioni della funzione intestinale, ad esempio costipazione, diarrea o entrambi.

Gli scienziati hanno studiato i dati e le sequenze genetiche presi dalla biobanca britannica (un enorme database biomedico) e quattro database più piccoli dai paesi che hai letto.

Alcuni degli intervistati avevano la sindrome dell’intestino irritabile. Oltre a offrire il loro DNA per l’analisi, è stato chiesto loro di rispondere a una domanda: “Quante volte svuoti l’intestino in media ogni giorno?

Sulla base delle risposte e delle sequenze genetiche, il team ha scoperto che la frequenza con cui ogni individuo ha agito mostrava “un’eredità moderata ma rilevabile”. Ciò significa che è in parte influenzato dalla genetica.

Questi risultati sono in linea con uno studio precedente pubblicato su Nature Genetic, che suggerisce che i fattori genetici che aumentano il rischio di sindrome dell’intestino irritabile si sovrappongono a quelli per l’ansia e la depressione.

Next Post

1 luglio, tornano le teorie sulla morte della principessa Diana

Il 1 luglio compleanno della principessa Diana, a 24 anni dalla sua morte, risveglia nuovamente le teorie sulla sua morte. Sono in tanti a non credere alla storia ufficiale, così come non credono alla spiegazione dell’assassinio di John Kennedy ecc. Lo stesso vale per la principessa Diana , che avrebbe […]
1 luglio tornano le teorie sulla morte della principessa Diana