Stabilità, non saranno previste nuove assunzioni di medici

Notizie dell’ultim’ora vogliono che le nuove assunzioni di personale medico nell’ambito della Legge di Stabilità siano saltate.

Ad essere sinceri, si spera che queste siano solo voci, se non altro perché, dopo l’attuazione anche in Italia delle nuove normative europee, che vietano ai medici di espletare più turni consecutivi, la carenza di medici nelle strutture pubbliche è divenuta una vera emergenza.

Eppure è certo che domenica sera il governo ha rinunciato in extremis a presentare l’emendamento alla legge di Stabilità che prevedeva nuove assunzioni da parte del Servizio sanitario nazionale, anche se nelle riunioni tra il Mef e i ministri delle riforme e della sanità, Maria Elena Boschi e Beatrice Lorenzin, è stato deciso comunque di tentare la carta delle assunzioni, ma senza ancorarle ai risparmi prodotti dalla nuova legge sulla responsabilità professionale dei camici bianchi scritta da Federico Gelli del Pd.

Le nuovi assunzioni sarebbero servite a fronteggiare i nuovi orari imposti dall’Unione europea per eliminare i turni massacranti: dal 25 novembre infatti un medico non può lavorare più di 48 ore a settimana, più di 13 ore di seguito e il riposo minimo sarà di 11 ore.

Resta quindi confermato per mercoledì 16 dicembre il maxi sciopero nazionale dei medici. Tra i motivi della protesta, figurano le risorse del Fondo Sanitario Nazionale, considerate insufficienti, il rinnovo dei contratti (congelati da sei anni), il piano vaccini e, con ogni probabilità – visti gli ultimi sviluppi – anche il blocco alle nuove assunzioni.

Next Post

Bimba nata down, ginecologo risarcisce i genitori

Anche se sembra paradossale, la nascita di una bimba down può essere imputata al ginecologo. La delicata vicenda arriva da Mantova, dove la Corte di Cassazione ha nelle scorse ore condannato un ginecologo con l’accusa di non aver impostato un corretto rapporto con la sua paziente. Dieci anni fa, una coppia […]