UK arriva AstraZeneca il vaccino che non ha bisogno di basse temperature

Redazione

Nella giornata di ieri la Gran Bretagna ha iniziato a lanciare il vaccino contro il coronavirus Oxford-AstraZeneca, un possibile punto di svolta nella lotta alla malattia in tutto il mondo.

La Gran Bretagna ha iniziato la nuova campagna con 530.000 dosi del vaccino AstraZeneca, visto la grave ondata di infezioni che ha minacciato di sopraffare il sistema sanitario pubblico e ha spinto il governo ad avvertire che ci si può aspettare un freno più severo.

UK arriva AstraZeneca il vaccino che non ha bisogno di basse temperature

Il vaccino, sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford, è visto come un punto di svolta da molti esperti perché non richiede temperature molto basse per la conservazione come quelle di Pfizer-BioNTech e Moderna.

Ciò potrebbe significare un maggiore accesso al vaccino per le classi meno ricche del mondo nella lotta contro il coronavirus, che ha infettato quasi 85 milioni di persone con oltre 1,8 milioni di morti note.

Brian Pinker, 82 anni, direttore della manutenzione in pensione, ha ricevuto la prima dose al Churchill Hospital di Oxford, ha detto al portale NHS England.

Sono molto contento di aver ricevuto il vaccino di Oxford“, ha detto, aggiungendo che è stato un “gioco da ragazzi” farsi vaccinare.

Il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha twittato di essere “felicissimo che oggi abbiamo lanciato il vaccino @UniofOxford / @AstraZeneca in tutto il Regno Unito“.

È un passo fondamentale nella nostra lotta contro questa pandemia“, ha dichiarato.

Possiamo vedere la strada da percorrere in termini di percorso da seguire, possiamo vedere come uscirne. Ma abbiamo un periodo difficile davanti“, ha detto domenica il primo ministro Boris Johnson.

La Gran Bretagna ha già vaccinato circa un milione di persone dopo aver approvato il vaccino Pfizer all’inizio di dicembre e spera di dare iniezioni a decine di milioni nei prossimi tre mesi, ha detto Johnson in un’intervista alla BBC.

In Cina intanto, per la precisione il governo di Pechino ha già somministrato quest’anno circa 4,5 milioni di dosi di vaccini d’emergenza in gran parte non provati, per lo più a operatori sanitari e altri dipendenti statali destinati a lavori all’estero, secondo le autorità.

Next Post

Bean Dad: La storia che ha fatto infuriare i social

La storia è iniziata quando John Roderick, musicista, scrittore statunitense ha condiviso il suo pensiero su una discussione avuta con sua figlia. Il musicista e podcaster ha suscitato clamore sui social media con una storia che riassume il suo modo di pensare rispetto all’eduzione genitoriale. John Roderick ha condiviso la sua […]
Bean Dad La storia che ha fatto infuriare i social