Vietata la vendita di tatuaggi con pigmenti nocivi

Una estate ricca di provvedimenti a tutela dei pazienti quella del Ministero della Salute: nelle stesse ore in cui il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha messo al bando 7 principi attivi utilizzati per pillole dimagranti, vengono messi al bando anche alcune tipologie di tatuaggi.

Una serie di indagini condotte dai carabinieri del Nas con prelevamenti a campione hanno evidenziato come circa il 18% delle sostanze usate per realizzare dei tatuaggi sia contaminato da microbi e funghi: sostanze talmente nocive che il Ministero ha ordinato il ritiro dal mercato di diversi tipologie di questi pigmenti.

L’incarico di procedere al prelevamento dei campioni è stato affidato ai Nas che li stanno effettuando su tutto il territorio nazionale attraverso i comandi di Milano, Torino, Alessandria, Padova, Bologna, Parma, Pescara, Roma, Latina, Napoli, Bari e Palermo. Al momento, su 169 campioni prelevati, 29 sono risultati contaminati.

E se proprio in estate molti decidono di regalarsi un nuovo tatuaggio da sfoggiare in spiaggia, si capisce ancora di più l’importanza del provvedimento, e la necessità di rivolgersi a centri qualificati, per evitare infezioni che possono causare gravi danni.

Next Post

Una nuova tecnologia per contrastare la pedopornografia online

Tra gli illeciti più deprecabili commessi online vi è senza dubbio quello di diffondere materiale pedopornografico: milioni di immagini e video di violenze e abusi su minori circolano in rete, alimentando un mostruoso commercio che deve essere fermato a tutti i costi. Anche i grandi colossi tecnologici americani stanno cercando […]