Viminale, i reati diminuiscono del 9,3%

Eleonora Gitto

Secondo i dati forniti dal Viminale, i reati nel complesso sono diminuiti del 9,3% nell’ultimo anno.

A presentare questi dati è stato lo stesso Ministro dell’Interno Angelino Alfano, nella tradizionale conferenza stampa di Ferragosto al Viminale.

Nello specifico, le rapine sono in calo del 12% e i furti del 5,6%. A tal proposito Alfano ha definito “una scelta giusta l’aumento delle pene per i furti”.

Ma non siamo convinti che il numero dei furti stessi sia diminuito per questo.

Il ministro ha aggiunto che bisogna accrescere il timore di ladri e rapinatori nei confronti dello Stato e ci vuole certezza della pena.

Nel campo della lotta alla mafia, Angelino ha detto che sono stati arrestati 2.202 mafiosi. Un esercito.

Fra questi, 64 latitanti, di cui otto ascrivibili alla categoria di “massima pericolosità”.

Nel campo della lotta al terrorismo ci sono state 50 espulsioni, 36 arresti e sono stati oscurati ben 6409 contenuti web inneggianti al jihadismo.

Ma la nota più dolente è questa, e non è solo una questione di ordine pubblico. Dal primo gennaio 103 mila sono stati gli sbarchi dei migranti sulle nostre coste. E lì non bastano Polizia e Carabinieri, caro Angelino.

Next Post

Facebook, una app sviluppata su un bug gli fa perdere lo stage

I giovani lo sanno bene, o lo imparano molto spesso a proprie spese: quando si è giovani bisogna stare molto attenti a non contrariare i propri capi, altrimenti, anziché far carriera, le proprie brillanti capacità possono ostacolare e addirittura portare al licenziamento. Lo ha imparato anche un brillante laureando di […]